Blog header

Gioele Magaldi: appello a Marco Travaglio e al M5s per non indebolire la democrazia a vantaggio della vera èlite

Magaldi, appello a Travaglio e ai grillini: tornate in voi, votate No ai poteri forti

 

Il presidente del Movimento Roosevelt: sconcerta che a premere per il Sì al referendum siano i 5 Stelle e un grande giornalista come il direttore del "Fatto", quando è notorio che le peggiori oligarchie finanziarie abbiano sempre richiesto il taglio dei parlamentari per indebolire la democrazia a vantaggio dell'élite


Alla vigilia del voto del 20-21 settembre, accorato appello di Gioele Magaldi nei confronti dei pentastellati: tornate in voi, ai tempi in cui vi battevate per la democrazia diretta. «Io sono per indire sistematici referendum propositivi e senza quorum, cioè forme di democrazia diretta che integrino in modo efficace la democrazia rappresentativa», premette il presidente del Movimento Roosevelt: «Se credete ancora nei valori di partecipazione in base ai quali nacque il Movimento 5 Stelle - dice Magaldi, rivolgendosi ai grillini - votate No al taglio dei parlamentari, che restringe ulteriormente gli spazi di democrazia, come espressamente richiesto dall'élite neoliberista che ha messo in crisi il pianeta». Stupore, da parte di Magaldi, per la presa di posizione di Marco Travaglio, giornalista di cui pure ha stima: «Come può scrivere che a volere il No siano i "poteri forti", quando è vero esattamente il contrario? La Loggia P2 di Licio Gelli, che era il terminale italiano dei veri poteri forti, nel suo Piano di Rinascita Democratica metteva al primo posto proprio il taglio dei parlamentari».

Leggi tutto: Gioele Magaldi: appello a Marco Travaglio e al M5s per non indebolire la democrazia a vantaggio...

Al Popolo delle Mascherine resta una possibilità: il piacere di dire No

greta thunberg mask 2feb7

Il minimo che ci potesse capitare, dopo aver dato retta a Greta Thunberg, era di finire confinati in casa per mesi, e poi guardati a vista come pericolosi bricconi, irresponsabili diffusori del Virus della Paura. Milioni di sguardi imbambolati davanti all'epifania scandinava della minuscola fiammiferaia, venuta a raccontarci - insieme ai tecno-narratori dell'Onu - che siamo noi, proprio noi, a surriscaldare pericolosamente il globo. Per la cronaca: è lo stesso pianeta che, solo dodicimila anni fa, passò in un battibaleno dall'inferno dei vulcani alla notte artica dei ghiacci, superando il Grande Diluvio, per poi arrivare alle temperature - più alte di quelle di oggi - dell'epoca dell'Impero Romano, quando cioè non esistevano plastiche né carbone né acciaierie. Tutti a sentire i profetici ammonimenti della piccina, mentre la Terra si riempiva di strane antenne, i cieli erano rigati da strane scie, e dai laboratori fuggivano strani virus. Antenne, scie e virus: tre vocaboli completamente assenti, nel lessico della maestrina svedese, i cui ricchissimi impresari (dalla Bank of England in giù) erano riusciti a distoglierci dal vero problema, l'avvelenamento ottuso e criminale del suolo, dell'aria e delle acque. E' colpa vostra, cioè nostra: il Vangelo secondo Greta è lo stesso degli arconti che stabiliscono, da sempre, quanto e come crescere, quanto e come soffrire, e quando infine decrescere, impoverirsi, possibilmente sparire.

Leggi tutto: Al Popolo delle Mascherine resta una possibilità: il piacere di dire No

Mike Pompeo a Roma: un avviso a Governo e Vaticano. Fine della tolleranza verso i filo-cinesi

Magaldi: Mike Pompeo a Roma, avviso a Conte e Bergoglio. Fine della tolleranza verso il partito "cinese" che condiziona Palazzo Chigi e il Vaticano

 Il presidente del Movimento Roosevelt: il segretario di Stato americano chiederà al governo e al Papa di cambiare rotta, frenando l'influenza degli oligarchi che usano la Cina per imporci un nuovo paradigma, non più democratico, anche col pretesto del Covid


«Benvenuto a Mike Pompeo, al "fratello" Mike Pompeo, segretario di Stato americano, che sta venendo in Italia anche a spiegare - al Vaticano e agli ambienti politici - che deve finire, la vicinanza al partito "cinese", trasversale e sovranazionale, che in Italia si è allargato un po' troppo». Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt ed esponente del network massonico progressista sovranazionale, usa parole più che esplicite per accogliere nel nostro paese il "ministro degli esteri" statunitense, atteso a Roma nei prossimi giorni. A Pompeo, Magaldi rivolge un benvenuto «sincero e affettuoso», nonché «fraterno», a rimarcare la comune identità massonica. Con questa visita, il braccio destro di Trump «segnerà una soluzione di continuità con tante cose sbagliate, che riguardano anche la politica vaticana verso la Cina ma soprattutto l'infiltrazione del partito "cinese" (orientale e occidentale), che purtroppo ha forti addentellati in diverse, cosiddette democrazie occidentali». Magaldi lo definisce «un partito trasversale che vuole proporci un nuovo paradigma politico-sociale, ed è un partito che va sconfitto: Mike Pompeo - sottolinea Magaldi - verrà a dirlo chiaro e tondo, a tutti i principali rappresentanti della classe dirigente italiana».

Leggi tutto: Mike Pompeo a Roma: un avviso a Governo e Vaticano. Fine della tolleranza verso i filo-cinesi

Translate

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Massoneria on air archivio 300