Blog header
Il Blog del Movimento Roosevelt.
Spazio aperto di discussione
.

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Articoli in evidenza

Tutti gli articoli

Lockdown mentale: il vero pericolo non è il lupo, è il gregge

Lupo e pecore 67bf4

Se è gratis, allora il prodotto sei tu. Un vecchio adagio, che oggi spiega benissimo il vortice della cosiddetta infodemia totalizzante, l'informazione unilaterale somministrata da editori largamente finanziati - via pubblicità - da mercanti di farmaci e di automobili. In Italia siamo al culmine, con il Ministro dei Temporali che ha foraggiato il mercante d'auto (quello che le tasse le versa all'estero, e che detiene la proprietà di una larga fetta dell'editoria giornalistica nazionale) pagandolo persino per produrre bavaglini facciali da portare sul volto anche all'aperto, anche quando si è completamente soli, così da rendere visibile la docilità del gregge a cui - tra milioni di mezze verità - è stato impartito un unico comando, l'obbedienza. E' il gregge, non il pastore, a portare su di sé la maggior responsabilità degli eventi: la paura, sapientemente instillata per mesi, ha permesso al mandriano di spingersi sempre più oltre, nei suoi sogni zootecnici che rasentano il delirio. L'ultimo capitolo della saga (invariato il titolo: se è gratis, il prodotto sei tu) è la palingenesi neo-vaccinale obbligatoria e universale, pena il divieto d'accesso al mondo civile, alla socialità ordinaria (che poi, precisa sempre il pastore, ordinaria non sarà mai più).

Leggi tutto: Lockdown mentale: il vero pericolo non è il lupo, è il gregge

Dip. Geopolitica e Difesa (GED) MR - GED In Pillole: Guerre ed (improbabili) paci; Etiopia: bomba a tempo; Caucaso: fu vera pace?; America Latina: voglia di Democrazia

Guerre ed (improbabili) paci; Etiopia: bomba a tempo; Caucaso: fu vera pace?; America Latina: voglia di Democrazia - GED IN PILLOLE - GED N.25GED PILLOLE25 e6ef1

Leggi tutto: Dip. Geopolitica e Difesa (GED) MR - GED In Pillole: Guerre ed (improbabili) paci; Etiopia: bomba...

Gioele Magaldi: Verso un Natale "Rivoluzionario". Contro un regime che ha già "tradito" la democrazia.

Magaldi: vorrei essere arrestato, mi accingo a violare il coprifuoco. Verso un Natale "rivoluzionario", grazie alla resistenza della Milizia Rooseveltiana

 
Il presidente del Movimento Roosevelt: le restrizioni anti-Covid servono solo a imporre un regime di obbedienza e sottomissione che ha già "tradito" la democrazia. Peccato che molti italiani non se ne siano ancora accorti, e tremino all'idea di essere multati

 

«Vorrei avere il piacere di essere arrestato». Lo annuncia ufficialmente Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, che spiega: «Il 14 dicembre, a Roma - in orario serale, violando il coprifuoco - esordirà la Milizia Rooseveltiana, formazione nonviolenta il cui nome ricorda provocatoriamente la milizia paramilitare fascista». Messaggio esplicito: «Anche oggi, come allora, siamo alle soglie di una sorta di dittatura: stavolta è imposta in modo subdolo, col pretesto di un virus para-influenzale presentato come se fosse la peste bubbonica». In nessun caso, sottolinea Magaldi, si può accettare di perdere quote della propria libertà in cambio del miraggio della sicurezza sanitaria. «Il vero obiettivo delle misure restrittive è un altro: imporre ai cittadini un'obbedienza cieca e anche assurda, come quando viene richiesto di indossare la mascherina all'aperto, pure se si è soli».

 

A giorni, ribadisce Magaldi, l'esecutivo riceverà una sorta di "ultimatum", da parte del Movimento Roosevelt: abolizione immediata di ogni restrizione e adozione (altrettanto celere) di provvedimenti economici per risarcire e supportare aziende ed esercizi fermati da lockdown e "zone rosse". Insomma: "ristori" veri e propri, non come quelli finora «corrisposti solo in minima parte e con grave ritardo dal governo Conte, che anche in questo si è rivelato particolarmente fellone». Magaldi, poi, denuncia la propaganda "orwelliana" che ha seminato il panico, sul Covid, «creando anche seri problemi di salute: non si contano più i casi di pazienti, affetti da malattie gravi (cardiologiche, oncologiche) che in questi mesi non hanno potuto ricevere cure adeguate, proprio grazie all'isteria generale sul Covid», che ha messo in crisi gli ospedali. Un'isteria generata «dai media, dal governo e dalle stesse Regioni, di qualunque colore sia la loro guida politica».

Leggi tutto: Gioele Magaldi: Verso un Natale "Rivoluzionario". Contro un regime che ha già "tradito" la...

La libertà (ri)parte da chi siamo

Spezzare le catene ed essere liberi 85503

Un popolo di furbetti, truffatori, scellerati. Il sole in fronte e una mano infilata nel giubbotto altrui. A frugare nel frugale.

Indisciplinati, oziosi, viziosi, italiani fannulloni sempre pronti a raggirare. Il vicino, il sistema, l’avventore. Un occhio strizzato a mo’ di intesa, la circuizione, l’altro già lanciato sulla via di fuga, l’evasione.

Leggi tutto: La libertà (ri)parte da chi siamo

Translate

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Massoneria on air archivio 300