Blog header
Il Blog del Movimento Roosevelt.
Spazio aperto di discussione
.

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Articoli in evidenza

Tutti gli articoli

Un Salvini quasi rooseveltiano

Salvini ha trasformato la Lega da partito regionale a partito nazionale. Salvini ha trasformato la Lega da partito liberista a partito keynesiano. Salvini ha anche dimostrato (attirandosi diverse critiche) di non essere un politico che vuole "insegnare" alle persone a distinguere tra quello che è giusto e quello che è ingiusto. Salvini piuttosto si è calato tra le persone ed è sembrato ascoltarne i bisogni mettendo la politica sopra la finanza e l’economia. Farsi voce delle esigenze della collettività  dovrebbe essere un merito, non un demerito; ma la sedicente sinistra sembra averlo scordato. In effetti, per quanto riguarda le politiche economiche e sociali, Salvini sembra molto più “progressista” (volto a garantire opportunità , libertà  e giustizia sociale con un approccio social-liberale e keynesiano) di quanto non lo siano gli esponenti dei partiti sedicenti progressisti, che sono invece sempre più elitari e dipendenti dai dictat di questa dis-Unione Europa a guida finanziaria.

Leggi tutto: Un Salvini quasi rooseveltiano

Presentazione del Dipartimento Economia, Finanza e Sviluppo Tecnologico MR

Presentazione del Dipartimento Economia, Finanza e Sviluppo Tecnologico del Movimento Roosevelt



Vincenzo Curia presenta il Dipartimento Economia, Finanze e Sviluppo Tecnologico del Movimento Roosevelt illustrando le basi programmatiche ed il lavoro da fare nei prossimi mesi.

L'Ilva di Taranto: l'acciaio, il lavoro, il territorio, la salute.

L'Ilva di Taranto: l'acciaio, il lavoro, il territorio, la salute.



Ieri 19.11.19 a Tagadà Manlio di Stefano ha spiegato la sua personalissima visione per il futuro di Taranto e del Paese.

Mi sento di dire la mia.

https://www.youtube.com/watch?v=ygd2YJv-9zo&feature=youtu.be&fbclid=IwAR3Qjs9S8TwZ3hGohuCdmBMV2mrvVb4yCjEXmmfQljAOkysdSRtP6sc6EZo

Fondo Salva Stati e MES: errori di politica monetaria ed economica che ci rendono colonia

Fondo Salva Stati e MES: errori di politica monetaria ed economica che ci rendono colonia.




Nino Galloni spiega cosa siano il Fondo Salva Stati e il MES. Poi analizza come queste misure derivino da errori in politica monetaria ed economica. Guardando al passato - alle privatizzazioni ed alle liberazioni - come anche ad un eventuale patto segreto tra Conte e l'Unione Europea, ci si domanda se ci sarebbero gli estremi per l'Alto Tradimento.



https://www.youtube.com/watch?v=nVENdry_Tls&feature=youtu.be&fbclid=IwAR0yFL2966IlEtedZEkuDoPWB2iJyHVaXsHs83cGIYCk87eKt1VQ2BR8cMs

F35 Tutti d'accordo ora, ma il progetto rischiava di abortire con gravi ripercussioni anche economiche, nonché strategiche

b2c74510 da44 45f2 9f49 2a22057a03e1 xl 4d7aa
Lo abbiamo detto un anno fa, anche a costo di attirarci critiche feroci, quando infuriavano le polemiche sul f35 e lo ribadiamo tutt'ora che è stata una scelta strategica per l'Italia la sua adozione e costruzione, anzi, abbiamo anche puntualizzato la sciagurata opzione di scendere sotto i 100 aerei, perché, secondo la stessa Corte dei Conti, quella decisione ci è costata svariati miliardi di commesse mancate, come da contratto. 

Leggi tutto: F35 Tutti d'accordo ora, ma il progetto rischiava di abortire con gravi ripercussioni anche...

Comunicato stampa Movimento Roosevelt - Magaldi: Fusaro e poltrone, da quella chiesta alla Lega (in cambio del congelamento di Vox Italia) al pranzo con Emanuele Filiberto di Savoia. Niente male, per il nuovo profeta dei proletari del terzo millennio

Il presidente del Movimento Roosevelt: l'aspirante leader del rossobrunismo all'italiana "attovagliato" con eredi della real casa e notabili liberali. E non ha ancora smentito le voci secondo cui avrebbe appena bussato a Salvini e Meloni per chiedere una candidatura in Parlamento alle prossime elezioni

Che ci fa, il profeta dei nuovi proletari precarizzati, a tavola col notabile liberale Gabriele Albertini e con Emanuele Filiberto di Savoia? Se lo domanda Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt e gran maestro del Grande Oriente Democratico, di fronte alla foto di Diego Fusaro (postata dallo stesso filosofo torinese) a pranzo con l'ex sindaco di Milano e con il rampollo di casa Savoia. "Peraltro - aggiunge Magaldi - Fusaro non ha ancora smentito le voci circostanziate secondo cui avrebbe chiesto una poltrona alla Lega e a Fratelli d'Italia: in cambio di una candidatura in Parlamento avrebbe "congelato" Vox Italia, il movimento "rossobruno" che ha appena creato".

Leggi tutto: Comunicato stampa Movimento Roosevelt - Magaldi: Fusaro e poltrone, da quella chiesta alla Lega...

Basta coperte corte: cambiamo politiche monetarie

Basta coperte corte: cambiamo politiche monetarie.


Venezia, pensioni, carenza di medici e infermieri, Ilva...la stragrande maggioranza dei problemi italiani di cui si parla nei telegiornali hanno una risposta comune: il cambiamento delle politiche monetarie ed economiche in Europa. Non è possibile? Si, lo è...


https://www.youtube.com/watch?v=SDoMgAUdzWs&feature=youtu.be&fbclid=IwAR2pM5I4xX7vauQuwek23VfTMZt2pPDp9MY6B5EIKsPhQQFNAPxCpjH05bs

Il sovranismo è strumentale al neoliberismo

Il sovranismo è strumentale al neoliberismo


I sovranisti dicono che per combattere il neoliberismo bisogna tornare agli stati nazionali. Ma hanno letto qualcosa dei teorici del neoliberisti? Hanno letto von Hayek? Friedman? Margaret Thathcher. Il ritorno agli stati nazionali è funzionale proprio al neoliberismo che loro dicono di voler combattere.

Certo, la sedicente sinistra il problema non se lo pone nemmeno...

Mario Draghi Presidente della Repubblica? Comunque vada, sarà un successo

Mario Draghi Presidente della Repubblica? Comunque vada, sarà un successo.

 Mario Draghi al Quirinale? Speriamo. Qualunque cosa faccia, servirebbe alla causa. Potrebbe farsi interprete di un cambiamento di paradigma monetario ed economico. E se non lo facesse? Con le colpe delle quali si è macchiato sarebbe un bersaglio perfetto; molto migliore di Napolitano o Mattarella.

https://www.youtube.com/watch?v=J7PNyObhlrs&feature=youtu.be&fbclid=IwAR3ujkQO7xzLIy6XtyEFU5oDCW9JB_QXW-6gIH1bdD6o1sRMjErq_N1vr0U

Alcune osservazioni sull’Area di Libero Scambio Continentale dell’Unione Africana.

Alcune acute osservazioni di Emilio Ciardiello relative sulla progettata Area di Libero Scambio africana che pongono in risalto come, al di là di possibili benefici, ci sia il concreto pericolo di quanto possano ripetersi certi errori e certe politiche "viziate" da gravi carenze fin dall'inizio.



Alcune osservazioni sull’Area di Libero Scambio Continentale dell’Unione Africana.
Di Emilio Ciardiello
CFTA MM 89a66

Il 7 luglio 2019 a Niamey in Niger è stato dato ufficialmente il via alla creazione della più grande area di libero scambio del mondo per superficie e popolazione interessata (1,2 miliardi circa): l’Area di Libero Scambio Continentale dell’Unione Africana, in acronimo AfCFTA (African Continental Free Trade Area) che include 53 paesi su 54 del continente. L’Eritrea ne è per il momento rimasta fuori.

Leggi tutto: Alcune osservazioni sull’Area di Libero Scambio Continentale dell’Unione Africana.

 Tra Occidente e Cina, tra neocolonialismi altrimenti declinati. AFRICA NORD OCCIDENTALE

In associazione con i nuovi post, prosegue la ripubblicazione in questo nuovo blog dipartimentale dei precedenti interventi già pubblicati sul sito di MR

Un brillante e acuto intervento di Emilio Ciardiello che prosegue le serie di analisi sulla situazione africana, sul neocolonialismo di stampo occidentale e sulla nuova penetrazione cinese (e non solo) Tale intervento, come quelli che lo hanno preceduto e che seguiranno, come specificato in finale dallo stesso autore, non va inteso solo come una seppur pregevole analisi delle problematiche però fine solo a se stessa, ma come uno dei tasselli utili a elaborare delle proposte organiche, ponderate e declinate con cognizione di causa, di politica estera e di relazioni internazionali dell'Italia, proposte e strategie che latitano nel panorama politico italiano, se non come mero appiattimento a politiche sovranazionali, o come reazione a situazioni contingenti in cui è impossibile non prendere posizione e senza alcuna velleità di una  reale politica autonoma tra partner alla pari o comunque senza strategie a lungo termine. Tele politica di relazioni internazionali, pur rispettosa delle alleanze e appartenenze di campo, deve essere a lungo termine e non soggetta a mere scadenze e tornaconti elettorali a breve termine,  e deve  assolutamente andare incontro ai nostri legittimi interessi nazionali,senza ovviamente prevaricare quelli legittimi altrui, come anche descritto nel primo post pubblicato nello spazio del Dipartimento.

 Tra Occidente e Cina, tra neocolonialismi altrimenti declinati. AFRICA NORD OCCIDENTALE

cina africa 250x250 cd18b

L’Africa nord-occidentale denomina quella zona del continente africano che dalle coste atlantiche si addentra seguendo la fascia tropicale sub-sahariana sino all’attuale Sudan, confinante a nord con i paesi della fascia mediterranea (Marocco-Algeria-Libia-Egitto) e a sud con i paesi dell’africa centrale. I paesi che oggi compongono la regione sono Benin, Burkina Faso, Isola di Capo Verde, Costa d’Avorio, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Liberia, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Sierra Leone, Togo, Senegal, Ciad.

Si tratta di un’area vasta e molto variegata. Dal punto di vista geografico e climatico, si passa da un clima tropicale e una cintura di foresta sulla fascia costiera alla savana subsahariana nel nord dell’area,

Leggi tutto:  Tra Occidente e Cina, tra neocolonialismi altrimenti declinati. AFRICA NORD OCCIDENTALE

Erdogan non ha certo intenzione di fermarsi.

Erdogan non ha certo intenzione di fermarsi

Purtroppo siamo stati nuovamente facili profeti, noi di MR, nel pronosticare che le intenzioni di Erdogan non si limitano all'ottenimento di 30 km di fascia di sicurezza all'interno dei territori curdi in Siria, ma sono volte a ottenere ben di più, oltreché l'assimilazione e la pulizia etnica dei territori appena occupati. Scrivevamo infatti:

Leggi tutto: Erdogan non ha certo intenzione di fermarsi.

Ex Ilva- Acelor Mittal. Si sapeva già da anni come sarebbe andata a finire. Altro che risolto tutto in 3 mesi.

Il risultato di questi giorni sulla questione di Acelor Mittal-ILVA, era del tutto prevedibile e ampiamente previsto, solo che la gente, e soprattutto i politici e la classe dirigente preposta a queste questioni hanno la memoria corta. Non so se si tratta di senescenza precoce, di inquinamento elettromagnetico da 5G,di piombo tetraetile nell'aere o, parafrasando un mio recente post sull'argomento sostanze stupefacenti, un utilizzo più pervasivo del sospettabile di queste (scherzo, ovviamente ), ma un lustro fa l'esito era già stato descritto. Sono andato a recuperare una delle tante analisi sull'argomento e nemmeno tra le più "cattive"

Ecco alcuni passi

, Arcelor si difese strenuamente contro l’aggressiva OPA (offerta pubblica di acquisto) lanciata in borsa da Mittal: a fine febbraio 2006 le quotazioni in borsa dei due gruppi arrivarono ad equivalersi e Mittal riuscì ad assorbire Arcelor per un valore di 28,6 miliardi di euro.

Le promesse fatte da Mittal al momento dell’acquisto del gruppo durarono ben poco, infatti a qualche mese dalla fusione cominciò a delinearsi chiaramente quella che era la strategia di politica industriale del gruppo: chiudere gli stabilimenti in Europa per fermare la concorrenza e acquisire gli ordini di Arcelor, facendo produrre l’acciaio in paesi terzi.

Leggi tutto: Ex Ilva- Acelor Mittal. Si sapeva già da anni come sarebbe andata a finire. Altro che risolto...

Il Salotto Rooseveltiano: Popoli in rivolta. Che succede nel mondo?

Salotto Rooseveltiano 2° incontro: POPOLI IN RIVOLTA. Che succede nel mondo?


Nella serata del 12 novembre 2019, il Movimento Roosevelt di Londra ha riunito nel Salotto diversi autorevoli relatori: Gioele Magaldi Presidente del MR, Gianfranco Pecoraro alias Carpeoro Consigliere di Presidenza, Roberto Hechich Direttore del Dipartimento Geopolitica, Esteri e Difesa, Pietro Beltrame sempre del Dipartimento Geopolitica, Esteri e Difesa.
Si è parlato dei diversi accadimenti in Sud America (Chile, Venezuela, Equador e Bolivia) e delle proteste ad Hong kong, passando per il Libano e Barcelona, luoghi molto distanti tra loro, non solo geograficamente, in cui si sono alzati quasi contemporaneamente dei moti di protesta popolare che hanno riempito i notiziari di tutto il mondo.

Il discorso si è articolato parlando delle diverse cause che hanno portato a queste rivolte, cercando il filo comune che le unisce e che accomuna questo sentimento di ribellione popolare a livello globale e analizzando le direzioni che potranno prendere.
A moderare il ricco dibattito, il Vice-Presidente Marco Moiso.

https://www.youtube.com/watch?v=GtiC6G1KDBA

Solidarietà MR non ipocrita ai soldati feriti in Iraq

Il MR dalla parte dei soldati feriti in Iraq ma la Turchia va esplulsa dalla NATO

Il mondo mediatico, giornalistico e politico esprime solidarietà per i soldati italiani feriti in Iraq dalle rinvigorite truppe dell’ISIS. Ma come si sono rinforzate queste milizie? Proprio grazie a un alleato NATO: la Turchia di Erdogan va espulsa dall’Alleanza Atlantica.

https://www.youtube.com/watch?v=MK6vRIH0f38&feature=youtu.be&fbclid=IwAR2_zpyGn7Yp7bDorkDwSXAUAaTuvZqAikTbNLzug_EPM1CiYSsb210eZ6g

Globalizzazione, sovranità popolare e democrazia sostanziale

Globalizzazione, sovranità popolare e democrazia sostanziale

 A seguito di una terribile globalizzazione, molte persone si sono convinte che la democrazia possa solo esistere all’interno degli stati nazionali. È vero, in passato fu così, ma la sfida di oggi è quella di rivendicare la sovranità popolare e la democrazia sostanziale sull’intero globo terraqueo, nel rispetto di tradizioni e culture (quando non violente o discriminatorie).


https://youtu.be/alwvHO65JGE

Nino Galloni interrompe il dialogo con Vox Italia

Nino Galloni interrompe il dialogo con Vox Italia di Fusaro e Toscano

Dopo un improbabile out-out da parte dei rosso-bruni, Nino Galloni interrompe il dialogo con Vox Italia. Come potevano pensare di imbrigliare un uomo dello spessori di Galloni, esempio di coerenza e dedizione?

https://youtu.be/zWMnRUcwLZA

Assemblea Lombardia MR Sabato 23 novembre a Milano con Magaldi e Galloni in visita

Assemblea Lombardia MR Sabato 23 novembre a Milano con Magaldi e Galloni in visita     Come anticipato in https://www.youtube.com/watch?v=KZaucOw9QY4&feature=emb_logo la Presidenza MR, di concerto con il Commissario regionale (nonché Consigliere di Presidenza) MR Lombardia Gianfranco Pecoraro/Carpeoro, convoca per Sabato 23 novembre 2019 a Milano, a partire dalle ore 19, in location che sarà comunicata a breve, una Assemblea Lombardia MR. Saranno presenti a tale riunione anche il Presidente MR Gioele Magaldi e il Vicepresidente Nino Galloni. La riunione è aperta non solo ai rooseveltiani lombardi ma anche a soci MR di altri territori e a cittadini non ancora tesserati, ma interessati a far parte della comunità rooseveltiana e a partecipare al dibattito previsto su "Sovranismo, Elitarismo o Democrazia?” In effetti, coloro che intendano dare un contributo ad un reale cambiamento della società italiana ed europea e farsi carico di una ulteriore crescita e armonizzazione del territorio lombardo e milanese nel suo complesso, si uniscano a noi del Movimento Roosevelt, si iscrivano a questo originale Metapartito e condividano cosi fattivamente i nostri valori, i nostri obiettivi e le nostre iniziative civili e politico-culturali. L'ordine del giorno dei lavori sarà il seguente: relazione del Commissario Lombardia MR Gianfranco Pecoraro (Carpeoro) e di altri Dirigenti regionali sullo stato dell'arte della riorganizzazione del MR in Lombardia; designazione dei curatori del Blog regionale MR e dei social media collegati e individuazione dei contenuti comunicativi prioritari da rilanciare a livello politico-culturale in Lombardia; dibattito e confronto interno sul tema "Sovranismo, Elitarismo o Democrazia?” e prima definizione organizzativa di un Evento politico-culturale (di nuovo col patrocinio e la collaborazione del Comune di Milano) che possa costituire il seguito dell'iniziativa svoltasi con successo lo scorso 3 maggio 2019 intitolato "Nel segno di Olof Palme, Carlo Rosselli, Thomas Sankara e contro la crisi globale della democrazia"; illustrazione definitiva dello svolgimento del "Master Roosevelt in Scienze della Polis" nella sede di Milano (l'altra sarà Roma). Sul punto, vedi: https://www.youtube.com/watch?v=xQ4SlU8SsTA&feature=youtu.be&fbclid=IwAR2aPPDsY2b9h5JIjYJ2kyI5Y7M6BRXj0_a7G0Kb47bO8DnTb10bH2-EGIk varie ed eventuali.

Leggi tutto: Assemblea Lombardia MR Sabato 23 novembre a Milano con Magaldi e Galloni in visita

Claudio Testa Nuovo Commissario MR Lazio

Claudio Testa Nuovo Commissario MR Lazio

 Si comunica che Venerdì 9 Novembre 2019 a Roma, Gioele Magaldi ha nominato Claudio Testa per il ruolo di Commissario MR Lazio. Auguriamo a Claudio un buon lavoro.
C’è molto da fare e sappiamo che Claudio è uomo concreto e d’azione.


https://youtu.be/jEzWKYEwNzY

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio MASSONERIA ON AIR

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Gestione Cookies

EU e-Privacy Directive

Questo sito web usa i cookie per gestire autenticazione, navigazione, e altre funzioni.
Usando questo sito, si accetta che questi files possano essere scritti sul vostro computer.

Consulta la nostra Privacy Policy

Consulta i documenti della e-Privacy Directive

Hai rifiutato di usare i cookies. Questa azione può essere riveduta.

Hai accettato che i cookies vengano scritti sul tuo computer. Questa autorizzazione può essere revocata.