Blog header
Il Blog del Movimento Roosevelt.
Spazio aperto di discussione
.

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Articoli in evidenza

Tutti gli articoli

Signor Enrico Mentana e tutti gli altri (economisti, politici e giornalisti): il New Deal è l’esempio di riforma strutturale

Scrive Daniela Corda (esponente della MMT): «Il giornalista Enrico Mentana, in una nota su Facebook, esprime i suoi auguri e il suo proposito per l’anno nuovo. Nell’auspicare che si possano creare condizioni più favorevoli d’impiego per i giovani e i disoccupati, sottolinea che ci vuole una coraggiosa azione di riforme.

Leggi tutto: Signor Enrico Mentana e tutti gli altri (economisti, politici e giornalisti): il New Deal è...

La storia del Piccolo Lord e la “faccia sporca” dell’Unione Europea

Quello che segue è il sunto del romanzo della storia del Piccolo Lord:

«Cedric Errol ha 7 anni e vive negli Stati Uniti con la giovane madre. Suo padre, morto qualche anno prima, era il figlio minore del conte di Dorincourt, ricco e potente nobile inglese. Il matrimonio del padre di Cedric con la madre non era mai stato accettato dal vecchio conte, che aveva immediatamente interrotto i rapporti con la giovane famiglia e si era sempre rifiutato d'incontrare la nuora e il nipotino.

Leggi tutto: La storia del Piccolo Lord e la “faccia sporca” dell’Unione Europea

Riguardo al pezzo dedicato a Nino Galloni Sindaco di Roma ed al suo “Piano C” eventualmente applicato al Comune di Roma ridevo con il Presidente Gioele Magaldi prima della pubblicazione… vi spiego quasi tutto!

“Alcuni nomi mi paiono discutibili (Sgarbi???) e ricordate che il M5S è pilotato dalla destra statunitense e quindi non è detto che la Casaleggio Associati accetti input... in quanto già li riceve da altri oltreoceano (Grillo conta solo mediaticamente per il resto non conta nulla).

Leggi tutto: Riguardo al pezzo dedicato a Nino Galloni Sindaco di Roma ed al suo “Piano C” eventualmente...

“Quo Vado?”, l’analisi macroeconomica della MMT sul film di Checco Zalone, Nino Galloni, il M5S e la realissima possibilità della costruzione della Terza Repubblica partendo dal Comune di Roma

Wikipedia presenterà il film “Quo Vado?” in questo modo: «Checco Zalone è un ragazzo che ha realizzato tutte le aspettative che aveva dalla sua vita: voleva vivere con i suoi genitori per evitare una costosa indipendenza e ci è riuscito; voleva essere eternamente fidanzato per non dover mai affrontare le responsabilità di un matrimonio e dell'avere figli, e ce l'ha fatta; sognava da sempre un lavoro sicuro ed è riuscito a ottenere un posto fisso nell'ufficio provinciale caccia e pesca, in cui timbra le licenze di cacciatori e pescatori.

Con questa leggerezza Checco affronta una vita che fa invidia a tutti. Un giorno però tutto cambia, a partire dal momento in cui il Governo vara la riforma della pubblica amministrazione che decreta il taglio delle province nel 2015. Convocato al ministero dalla spietata dirigente Sironi, Checco è messo di fronte a una scelta difficile: lasciare il posto fisso o mantenerlo venendo messo in mobilità e trasferito lontano da casa. Per Checco il posto fisso è sacro e, pur di mantenerlo, accetta il trasferimento.

Leggi tutto: “Quo Vado?”, l’analisi macroeconomica della MMT sul film di Checco Zalone, Nino Galloni, il M5S e...

Ancora sul devastante fenomeno del Gatekeeping, sull’informazione ufficiale e sulla “democrazia”

Giorgio Gaber, senza troppi mezzi termini, li definiva «facce da mafiosi che dicono di combattere le mafie» (in primis scrittori, giornalisti, politici, sindacalisti - l’elenco è davvero lungo…); il termine più tecnico è gatekeepers: nella sostanza sono coloro che attuano l’azione di Gatekeeping; Gatekeeping significa “custodia al cancello”; i gatekeepers vengono anche definiti “guardiani del potere”; Wikipedia, a proposito dei gatekeepers, scrive: «Il gatekeeper è colui che attua l'azione di Gatekeeping. Occupa la posizione di “esperto” (politici, scienziati, sociologi, scrittori) in un determinato ambito della società e ha il compito di filtrare le informazioni in quello specifico ambito. Può agire in diversi modi: in maniera inconscia, poiché anch'egli può essere influenzato o condizionato da informazioni che possono essere giuste o sbagliate, o consciamente per scopo personale o economici.

Leggi tutto: Ancora sul devastante fenomeno del Gatekeeping, sull’informazione ufficiale e sulla “democrazia”

Il Gatekeeping, il Movimento Roosevelt ed il perché alcuni soggetti e forze sono letteralmente terrorizzate dalla nascita di questa nuova realtà per l’Italia, l’Europa ed il Mondo intero

Il termine “Gatekeeping” significa “custodia al cancello”. Come ben spiegato da Wikipedia: «Il gatekeeper è colui che attua l'azione di gatekeeping. Occupa la posizione di “esperto” (politici, scienziati, sociologi, scrittori) in un determinato ambito della società e ha il compito di filtrare le informazioni in quello specifico ambito. Può agire in diversi modi: in maniera inconscia, poiché anch'egli può essere influenzato o condizionato da informazioni che possono essere giuste o sbagliate, o consciamente per scopo personale o economici. I gatekeepers usano come principale strumento i veicoli d’informazioni perché è importante ciò che appare nei media. Tutti i personaggi che hanno particolare rilievo positivo sui media di massa sono potenzialmente gatekeeper.»

Leggi tutto: Il Gatekeeping, il Movimento Roosevelt ed il perché alcuni soggetti e forze sono letteralmente...

Franklin Delano Roosevelt, la Grande Depressione e i New Deal per gli Stati Uniti

Franklin Delano Roosevelt è stato il 32º Presidente degli Stati Uniti d'America: l'unico Presidente degli Stati Uniti eletto per più di due mandati consecutivi (vinse le elezioni presidenziali ben quattro volte). Rimase in carica dal 1933 al 1945 (fino alla sua morte).

Larga parte della sua fama è dovuta al radicale programma di riforme economiche e sociali attuato fra il 1933 e il 1938 negli Stati Uniti: il New Deal (programma grazie al quale gli Stati Uniti superarono la “Grande Depressione”).

Leggi tutto: Franklin Delano Roosevelt, la Grande Depressione e i New Deal per gli Stati Uniti

I Quattordici Punti di Woodrow Wilson, le Quattro Libertà di Franklin Delano Roosevelt e la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Molto rilevanti, nel percorso che ha portato alla realizzazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, sono i “Quattordici Punti” del Presidente Woodrow Wilson e le “Quattro Libertà” enunciate da Franklin Delano Roosevelt riprese nella Carta Atlantica del 1941.

“Quattordici Punti” è il nome dato ad un discorso pronunciato dal Presidente Woodrow Wilson l'8 gennaio 1918 davanti al Senato degli Stati Uniti dopo la Prima Guerra Mondiale.

Leggi tutto: I Quattordici Punti di Woodrow Wilson, le Quattro Libertà di Franklin Delano Roosevelt e la...

VITTIME E MIGRANTI

Migranti VittimeQuale è la differenza, al di la dei tecnicismi peraltro stabiliti da norme di dubbia “giustizia” (diritto) e di non facile comprensione, tra vittime in quanto rifugiati politici e vittime di una povertà assoluta che impedisce la stessa sopravvivenza? Si fa un gran parlare oggi, di presunti problemi creati dai migranti. Migranti? Cosa vuol dire migranti? Conscio della mia ignoranza, chiedo aiuto! E prendo Il dizionario della lingua italiana, di Giacomo Devoto e Gian Carlo Oli, il risultato è il seguente:

-migrante agg. : che si sposta verso nuove sedi: uccelli m.; In biologia e medicina, di cellula od organo che ha la capacità o possibilità di spostamento dalla sede abituale, per cause varie…

Leggi tutto: VITTIME E MIGRANTI

COP21

La conferenza Cop21 di Parigi si è conclusa.

Al di là dei dei facili e illusori toni trionfalistici di chi vuole fare apparire una vittoria l'accordo raggiunto e del pessimismo di matrice tradizionale ambientalista sulla pochezza delle decisioni prese, ritengo che qualche considerazione in più vada fatta.

Guardando a ciò che è successo nel recente passato è indubbio che qualcosa si stia muovendo riguardo alla presa di coscienza dei grandi rischi che gli effetti dei cambiamenti climatici causati dall'uomo stanno recando al mondo, al pianeta, alle persone; per la prima volta nei mesi scorsi si è assistito a chiare e forti prese di posizione di un Papa e di un Presidente degli Stati Uniti d'America, eventi mai accaduti prima e di indubbia importanza.

Il fatto che l'accordo formale di Parigi, benché per molti versi ancora poco aggressivo e coraggioso, sia stato raggiunto e sottoscritto da tutti i paesi partecipanti è da considerare un elemento positivo ed equivale ad una ufficiale ammissione che il tempo di agire sia arrivato e non sia più rinviabile.

Il risultato raggiunto nella conferenza parigina è, però, da leggere in termini positivi solo se sarà effettivamente il punto di partenza per una nuova fase di progettualità globale economica ed ecologica, il lavoro da fare sarà lungo e faticoso.

Gli interessi che ruotano introno ai carboni fossili e al petrolio sono ancora enormi e continueranno ad essere un forte ostacolo al cambiamento, così come le resistenze legate al ricatto del lavoro in ambienti sindacali poco lungimiranti.

Se si cade nell'errore di considerare l'accordo di Parigi un arrivo e non una partenza si rischia di non aver compreso appieno la complessità delle azioni da affrontare nei prossimi anni, partendo da subito.

Economia ed ecologia dovranno sempre più unirsi, dialogare in senso figurato ed integrarsi in nuovi modelli di vita e di sviluppo, non è più pensabile un'economia che non tenga conto in modo serio delle problematiche ambientali, così come un ecologismo ed un ambientalismo ideologico che non abbiano in considerazione degli sviluppi e dei sani interessi economici.

Le nuove generazioni sono irrequiete, fremono, criticano la situazione attuale, capiscono che il pericolo è reale per la loro generazione e per quelle dei loro figli, questo è un fattore che potrà essere determinante a spingere le classi politiche dirigenti a mantenere gli impegni presi a Parigi, ad accelerare le azioni concrete da intraprendere, a pensare ad un nuova era che lasci alle spalle il carbone e che, partendo dalle energie rinnovabili, ridisegni alcuni aspetti nei modi di vita futuri.

Per questo ognuno di noi sarà chiamato a fare la propria parte.

Giorgio Mosca

Translate

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Gioele Magaldi Racconta 300

Pane al Pane 300

Il Gladiatore 300