Blog header
Il Blog del Movimento Roosevelt.
Spazio aperto di discussione
.

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Articoli in evidenza

Tutti gli articoli

Il bilancio della Difesa con il...bilancino (tra "pacifisti" e "guerrafondai")


Bilanci difesa Movimento roosevelt 00261
DIPARTIMENTO GEOPOLITICA & DIFESA

Il bilancio della Difesa con il…bilancino.

(tra “pacifisti” e “guerrafondai”)

 

         La Nato vorrebbe che l’Italia destinasse alle spese per la difesa circa il 2% del PIL entro il 2024. Tale obiettivo è giustificabile, realizzabile, auspicabile o no?

         La maggior parte degli italiani non è a conoscenza della reale consistenza dei bilanci della Difesa e dell’impatto sui conti dello Stato, poiché, anche qualora fossero veramente interessati, le cifre, e specialmente le percentuali sul PIL che di volta in volta leggono, sono molto differenti e si basano su criteri diversi in base spesso a quello che si vuol dimostrare a seconda delle idee in merito. I pacifisti frequentemente lo gonfiano cambiando parametri di riferimento e chi ha interesse a evidenziarne l’inadeguatezza fa l’operazione opposta. In realtà, sulle cifre, possono avere ragione tutti e due a seconda di come si vuole impostare l’analisi.

         Prima di tutto bisogna puntualizzare che alle spese per la difesa concorrono vari centri di spesa che non sono inquadrati nel Ministero, come MISE o MIUR o i fondi per le missioni all’estero(MEF).  A sua volta la Difesa si fa carico di varie spese che non hanno una funzione in tal senso, come a esempio il rifornimento idrico delle isole minori, sacrari militari o la totalità delle spese dell’Arma dei Carabinieri.

Leggi tutto: Il bilancio della Difesa con il...bilancino (tra "pacifisti" e "guerrafondai")

Il peggiore dei mondi possibili, nutrito dalla nostra paura

Homer Simpson Urlo di Munch d8a7a

Sembrava il migliore dei mondi possibili, quello che l'Europa aveva di fronte a sé fino al 2001, precisamente il 20 luglio, quando al G8 di Genova esplose la follia opaca della violenza e a lasciarci la pelle fu Carlo Giuliani, immortalato mentre col suo estintore minaccia i carabinieri intrappolati in un gippone. Ma Genova era solo l'antipasto dell'inferno: due mesi dopo, crollarono di colpo le Torri Gemelle di Manhattan. Tremila vittime l'11 settembre, e altre 12.000 negli anni seguenti a causa dei tumori provocati dalla nube d'amianto. Nel 2003, in Italia, le prime ipotesi sul possibile auto-attentato vennero avanzate da Giulietto Chiesa, nel bestseller “La guerra infinita”, ignorato dai media. Nel 2005, a “Matrix”, in prima serata su Canale 5, Enrico Mentana ebbe il coraggio di trasmettere “Inganno globale”, esplosivo documentario in cui Massimo Mazzucco dimostra che la versione ufficiale (terrorismo islamico) è integralmente falsa. Era già cominciata, la grande retromarcia dell'Occidente, ma pochissimi se n'erano accorti. Tra questi Bettino Craxi, che da Hammamet spiegò che l'euro-finanza avrebbe spolpato l'Italia. E prima ancora l'economista keynesiano Federico Caffè, sparito nel nulla nel 1987. E così Olof Palme, l'inventore del welfare svedese, ucciso l'anno prima a Stoccolma. Doveva aver capito tutto anche Aldo Moro, minacciato di morte da Henry Kissinger poco prima che di lui si occupassero, teoricamente, le Brigate Rosse.

Leggi tutto: Il peggiore dei mondi possibili, nutrito dalla nostra paura

QUANDO MARTE È FERITO, SANGUINA LA DEMOCRAZIA.

Galata Ferito

Interno/giorno. Pub londinese. Giorno più caldo della storia del Regno Unito.

Un piccolo gruppo di uomini e donne accaldati si riunisce per discutere della libertà di parola, di stampa e di espressione. 
Una giornalista/scrittrice ed il rappresentante di una casa editrice raccontano la loro esperienza di censura. Sono stati cacciati da una fiera del libro molto importante in Italia, sono stati ostracizzati in varie occasioni tra cui, in ultimo, proprio quest’oggi. Infatti questo incontro si sarebbe dovuto tenere presso una famosa università londinese la quale, cedendo alle pressioni di un noto gruppo politico di senso opposto ai suddetti, ha deciso, all’ultimo minuto, di cancellare l’evento costringendo gli organizzatori a ripiegare, in quattro e quattr’otto, sulla location di fortuna in cui ci troviamo.
Parlano di ingiustizia nei loro confronti, si definiscono vittime di un abuso di potere e di censura, condannano il “pensiero unico dominante” ed invocano la democrazia, la libertà.

Leggi tutto: QUANDO MARTE È FERITO, SANGUINA LA DEMOCRAZIA.

L’ANPI tradisce il suo mandato?

Lettera aperta alla Presidente Nespolo mandata il 26.07.19

----------------------------

Cara Presidente Nespolo,

sono Marco Moiso, vicepresidente del Movimento Roosevelt, e membro dell’ANPI.

Era da molto che intendevo scriverle questa lettera, e lo faccio all’indomani di fatti a mio vedere molto gravi, che si sono svolti a Londra.

Ritengo che l’ANPI stia tradendo il suo statuto. Infatti, le chiedo di chiarificare, pubblicamente, come lei intende gestire le attività dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia alla luce dei ragionamenti che a breve le esporrò.

In questo momento storico, l’ANPI ha la possibilità di interpretare e definire il proprio lavoro e la propria attività principalmente in due modi:

  • Svolgere un ruolo di memoria storica, valorizzando e perpetuando la memoria della Resistenza.
  • Continuare a lottare per la democrazia e contro ogni fascismo.

Sia che decidesse di perseguire la prima strada, che la seconda, l’ANPI ha il dovere di farlo nel rispetto del suo statuto, degli obiettivi in esso descritti, e dei valori della democrazia e della libertà.

Leggi tutto: L’ANPI tradisce il suo mandato?

L’incredibile illusione: Sani in un mondo malato (3) – Intervista alla dott.ssa VALLE

Relazione tra Ambiente e Salute – Intervista alla dott.ssa Oliva VALLE (*)

di Davide Montefiori (**)

Come promesso negli articoli pubblicati precedentemente (I, II), nel corso di questa intervista cercheremo di comprendere in quale modo l’ambiente nel quale viviamo (Aria-Acqua-Terra), influenzi in modo determinante lo stato di salute o di malattia della popolazione “affetta” da un determinato tipo di progresso.

La dott.ssa Oliva Valle, è il medico che ci guiderà in questo percorso. Con lei scopriremo in che cosa consista l’Epigenetica, nuova branca della medicina, ormai nota in tutto il mondo scientifico, che dimostra lo stretto rapporto esistente tra Ambiente e Salute.

Leggi tutto: L’incredibile illusione: Sani in un mondo malato (3) – Intervista alla dott.ssa VALLE

Fine dell'equivoco: allineati al rigore Ue, i 5 Stelle ci hanno preso in giro

Di Maio e Di Battista 74217

Dicevano di voler “aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno”, ed eccoli là: proni all'asse franco-tedesco e pronti a votare per l'euro-killer Ursula von der Leyen, insieme al Pd e a Berlusconi, pur di tentare di essere utili, in qualche modo, al superpotere che fingevano di voler contrastare, abbattere, stroncare. Un anno fa, sembrava essersi aperta una nuova storia teoricamente epocale, per l'Europa: Paolo Savona candidato al dicastero dell'economia e Luigi Di Maio sulle barricate contro Mattarella: evocazione dell'impeachment per violazione costituzionale nello sbarrare la strada al possibile ministro. Parole al vento, prontamente rimangiate insieme alla cornucopia illimitata (ma solo teorica) del “reddito di cittadinanza” sbandierato per fare il pieno di voti. Ora il loro problema si chiama Matteo Salvini: ma il capo della Lega – che era partito con un basso profilo, nel pericolante governo gialloverde – è solo un politico mediamente avveduto, che in capo a qualche mese si è accorto che i grillini, semplicemente, scherzavano. Meglio: prendevano in giro i loro elettori. In Puglia, ad esempio, dove hanno imposto il gasdotto Tap rispetto al quale avevano giurato opposizione eterna. O sull'obbligo vaccinale, capitolo vergognoso in cui la ministra Giulia Grillo ha fotocopiato la vituperata Beatrice Lorenzin. Prossima vittima: la valle di Susa, verosimilmente destinata a capitolare di fronte al Tav Torino-Lione.

Leggi tutto: Fine dell'equivoco: allineati al rigore Ue, i 5 Stelle ci hanno preso in giro

Comunicato stampa Movimento Roosevelt - Magaldi: dalla Russia una polpetta avvelenata per l'Eni, unica istituzione a fare un po' di politica estera per l'Italia

Il presidente del Movimento Roosevelt: che interesse avrebbe Putin a finanziare Salvini, se davvero volesse cambiare quest'Europa post-democratica? Al Cremlino conviene che l'Ue rimanga così com'è, tecnocratica e neoliberista, non certo amata dai popoli europei

"Ditemi per quale ragione la post-democratica Russia di Putin dovrebbe regalare 65 milioni di dollari a Salvini, che in teoria minaccerebbe, solo a parole finora, di attaccare quest'Europa altrettanto post-democratica: al Cremlino, al contrario, conviene che l'Ue resti com'è oggi, malvista dai popoli europei". Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, smonta le accuse piovute su Salvini dopo la registrazione – finita alla Procura di Milano – di un colloquio a Mosca con esponenti russi e il leghista Gianluca Savoini, presidente dell'associazione Lombardia-Russia. Il sospetto, veicolato dai media, evoca il progetto di una transazione milionaria, attraverso forniture di petrolio all'Eni (transazione in realtà mai avvenuta) per aiutare la Lega in vista della campagna per le europee. "Chi ha registrato quel colloquio riservato? E chi l'ha fatto pervenire ai magistrati? Tutte domande in attesa di risposta". L'errore di Salvini? "Sminuire l'importanza di Savoini, quasi facendo finta di non conoscerlo".

Leggi tutto: Comunicato stampa Movimento Roosevelt - Magaldi: dalla Russia una polpetta avvelenata per l'Eni,...

INFERNO O PARADISO?

Alcuni argomenti buttati a caso, per arrivare a capire in quale libro Dantesco stiamo vivendo.

Ad esempio parlando di Sea Watch 3, come sapete stanno finalmente uscendo diverse denunce al GIP di Agrigento, l’ha fatta grossa, come il capitano della nave, che ha trasgredito ad una mezza dozzina di basilari regole del mare, che chiunque abbia una patente nautica conosce, perché ormai è palese che il gioco è continuare a fare perdere coscienza ai cittadini di ciò che è giusto e ciò che non lo è, come stabilito dalla legge.

infpar db741

Ebbene su questa vicenda voglio solo aggiungere che se sali su una qualsiasi nave, il capitano, o un suo sostituto ha l’obbligo di riconoscere il passeggero, ed in quell’esatto momento diventa ospite dello stato di cui batte bandiera il vascello.

Leggi tutto: INFERNO O PARADISO?

CHIEDERE AL POTERE DI RIFORMARE IL POTERE ?

Si e' appena concluso l'ennesimo atto di uno spettacolo che dura ormai da troppi anni ed il cui cast seppur rinnovato recita sempre il medesimo copione .

Da un lato ,c'e' la Commissione Europea che ci segnala violazioni di regole comuni e che ci suggerisce gli opportuni rimedi , senza tuttavia aver fatto tesoro circa il peggioramento delle condizioni dei Paesi che hanno diligentemente seguito quanto prescritto sino ad oggi .

Dall'altro , c'e' il nostro Governo il cui rinnovamento profondo rispetto al precedente , non sembra aver sortito sostanziali cambiamenti nell'atteggiamento, coerente con il passato , di prediligere le ragioni della Realpolitik a quelle della Realeconomik . Infatti , nell'intento di evitare una procedura di Infrazione per eccessivo Debito , avendo come lungimirante obiettivo quello di rendere il Debito italiano maggiormente sostenibile , sottoscriviamo impegni che in un contesto macroeconomico internazionale di sviluppo causerebbero un rallentamento del medesimo nel nostro paese , mentre nel contesto attuale una crescita piatta , se avremo un po' di fortuna.In ogni caso , il Debito italiano risultera' meno sostenibile perche' aumenteranno i costi degli interessi a fronte di un PIL che non sara' in grado di invertire la crescita di Deficit e Debito in rapporto al medesimo PIL .

Anche in questa occasione , la conclusione dell'atto e' stata affidata alla BCE che attraverso le parole del suo Presidente sul taglio ulteriore del Tasso di Interesse ha magicamente portato gli investitori internazionali a scommettere sull'Italia e la sostenibilita' del suo Debito Pubblico e lo spread e' ricominciato a scendere.

In condizioni normali, la politica monetaria ha la possibilità di agevolare la crescita economica aumentando l'offerta di moneta in circolazione e abbassando i tassi di interesse. Da questa operazione ne consegue che le imprese sono incentivate ad indebitarsi e quindi ad investire e, nel contempo, si riduce la propensione delle famiglie al risparmio, aumentandone la propensione al consumo.

In questa situazione, con i tassi di interesse nominali ormai negativi o vicini a zero, la BCE non potra' farli scendere ulteriormente, e gli strumenti a disposizione della politica monetaria si esauriscono. Inoltre, la BCE non riesce da tempo nell'intento di aumentare la massa monetaria nell'economia reale in modo significativo perche' la quasi totalita' e' preda del sistema finanziario

Quando le aspettative negative si diffondono all'intera economia esse tendono ad autoalimentarsi in un circolo vizioso. Accumulando liquidita' anziché spendere, gli operatori economici inconsapevolmente, realizzano le loro peggiori aspettative, senza domanda di beni, si innesca la recessione, che conduce ad un aumento della disoccupazione a minori redditi, e dunque a minori consumi ed investimenti e così via, in una spirale che si autoalimenta.

Il vero motore dei consumi, infatti, come aveva intuito Keynes, risiede nella fiducia prima ancora che nei tassi. Se la fiducia viene meno, nemmeno tassi di interesse nulli o un aumento della base monetaria possono far ripartire i consumi.

Il fanatismo monetario non ci portera' fuori dalla realta' che vivono da circa venti anni famiglie ed imprese , dobbiamo rifiutarci di essere pre-Keynesiani e stabilire un programma di azioni concrete che possano ragionevolmente invertire il trend crescente delle divergenze tra i paesi nell'Unione Europea e tra le persone inei diversi stati dell'Unione.

Iniziamo a restituire all'economia reale il primato che merita per ragioni oggettive e scegliamo politiche utili all'incremento della Domanda Aggregata anche sostenendo apertamente tutti i Partiti Politici che intendono perseguire queste politiche non piu' rinviabili.



Francesco De Rinaldis Saponaro 

Programma del Movimento Roosevelt

Il Movimento Roosevelt è più attivo che mai.

Insieme all’Ufficio di Presidenza e ai Dipartimenti, nelle ultime settimane abbiamo lavorato alacremente per elaborare il programma del Movimento Roosevelt.

Siamo quindi felici di pubblicare la struttura finale del programma.

Link al Programma del MR (clicca per scaricare/visualizzare)

Nei prossimi giorni, settimane e mesi, questo programma verrà ulteriormente elaborato, riassunto e vivificato, insieme ai soci, ai Dipartimenti e ai Direttori di Dipartimento. Saremo quindi felici di ricevere, come sempre, i suggerimenti e le istanze dei soci del Movimento Roosevelt.

Saluti Rooseveltiani a tutti/e,

Marco Moiso
Vicepresidente del Movimento Roosevelt

Translate

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio MASSONERIA ON AIR

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300