Blog header

0
0
0
s2sdefault
Greta Thunberg d1eaa

Dovete consumare di meno (voialtri, non loro lassù). E dunque: rassegnatevi alla precarietà, all'esclusione sociale. E sentitevi in colpa, se avete appena comprato lo smartphone ultimo modello e avete osato concedervi una bella vacanza. Dovete smettere, punto e basta. A chi parla, Greta Thunberg? A noi, le vittime dei suoi burattinai. Fino a ieri, la giovanissima attrice svedese si limitava a mormorare, dispensando saggezza dall'alto dei suoi 16 anni. Oggi ha cambiato passo: intima, minaccia, insolentisce. Le hanno messo a disposizione addirittura la platea della Nazioni Unite, per esibirsi nel suo nuovo spettacolo. Sembra una viperetta tracotante, livida: ne saranno felicissimi, gli azionisti del suo business. In primis, a brindare è la filiera industriale delle energie rinnovabili, con la potente macchina di propaganda ben oliata dall'oligarca Al Gore, ex vice di Clinton, l'uomo che ha scatenato la finanza-canaglia globalizzata. Ma in generale, nel mirino della piccola fiammiferaia svedese (ovvero, dei suoi sceneggiatori) c'è soprattutto il famoso 99% dell'umanità, o meglio ancora dell'Occidente, il “primo mondo” che era benestante e che si è improvvisamente impoverito proprio mentre l'economia mondializzata ha moltiplicato in modo esponenziale il Pil finanziario dei decenni precedenti la caduta del Muro di Berlino.

Il grande artefice del disgelo, Mikhail Gorbaciov, sognava un mondo senza più guerre. Sfrattato dal Cremlino, ha visto l'Urss smembrata e la Russia brutalmente privatizzata e saccheggiata. Ma il colpo da maestro degli strateghi del globalismo a mano armata è stato permettere alla Cina di entrare nel gioco planetario con merci prodotte sottocosto, grazie anche a condizioni schiavistiche di lavoro, senza le tutele sindacali di Europa e Usa. In pochi anni il mondo è esploso, insieme al suo fatturato, in una sorta di festa truccata: l'europeo e l'americano medio hanno perso terreno, hanno smesso di crescere in termini di benessere, hanno cominciato a intaccare i risparmi familiari e a dover mantenere i figli senza lavoro, spesso costretti a emigrare all'estero. Devastante il fenomeno delle delocalizzazioni, la fuga delle industrie nei paesi asiatici dove l'operaio costava due dollari al giorno. In Europa – vero laboratorio mondiale del suicidio tecnocratico della democrazia – la truffa neoliberale ha indossato la maschera austera e perbenista dell'ordoliberismo autoritario, l'ipocrita moralismo del guru austriaco Friedrich von Hayek: l'illuminato economista concepiva il welfare (ridotto a poche briciole, s'intende) solo come misura estrema e preventiva per cautelarsi dalla possibile rivolta delle masse impoverite.

Agli italiani, personaggi come Ciampi e Prodi avevano presentato l'Ue e l'Eurozona come il paradiso, il reame dell'età dell'oro. Dopo meno di vent'anni non restano che macerie, nazioni che si guardano in cagnesco e che si fanno le scarpe appena possono, mentre il Belpaese (depredato, secondo i piani) ha perso il 25% del suo potenziale industriale. L'Europa intera ha assistito senza muovere un dito alla macellazione senza anestesia del popolo greco: cos'avrebbe da dire, Greta Thunberg, ai sopravvissuti della Grecia che si sono visti scippare il Pireo e gli aeroporti, chiudere i bancomat, tagliare i salari, ridurre le pensioni fino alla soglia della fame? Cicale irresponsabili, quelle che hanno assistito alla morte dei neonati, nei loro ospedali, per mancanza di medicine? Spendaccioni scellerati, i greci, che oggi devono vedersela con piaghe che si credevano cancellate dalla storia, come la malnutrizione infantile? E' sconcertante la consonanza fra le parole di Greta e quelle degli oligarchi europei che hanno messo la Grecia in ginocchio, accusandola di aver abusato del debito pubblico. La canzone – vagamente nazista – è sempre la stessa: la colpa è vostra, peggio per voi.

La Thunberg, si sa, è una pedina importantissima della grande manipolazione mediatica sul “climate change”, ovvero la teoria – non suffragata scientificamente – secondo cui il surriscaldamento globale (peraltro appena contestato all'Onu da 500 scienziati) sarebbe di origine antropica. Sommessamente, qualche anno fa, il fisico Carlo Rubbia, Premio Nobel, ricordava che, ai tempi dell'Impero Romano, le temperature medie erano superiori a quelle di oggi. Nel solo medioevo, come gli storici sanno, si è passati dalla mini-glaciazione (che d'inverno congelava il Tamigi e la Senna, attraversabili camminando) al grande caldo dei secoli seguenti, con colture mediterranee come l'ulivo diffuse ovunque nel Nord Italia. Ancora non c'era neppure la macchina a vapore, figurarsi le emissioni velenose delle odierne megalopoli. L'inquinamento è tangibile e pericoloso, quello sì: negli oceani galleggiano isole di plastica vaste quanto continenti. L'unica legge in vigore, quella del business più miope, ha finora frenato l'adozione universale della tecnologia necessaria a bonificare la Terra e riconvertire ecologicamente la produzione. E soprattutto: i "padroni dell'universo" che muovono i fili della marionetta Greta vogliono, a tutti i costi, colpevolizzare noi per quanto sta accadendo, raccontandoci addirittura che il degrado della biosfera altera il clima del pianeta.

E' tutto talmente surreale da sembrare comico, se non fosse per il caos sanguinoso che sfiora o assedia miliardi di esseri umani. Da oltre 15 anni il cielo è vistosamente coperto dalle emissioni aeree (guai a chiamarle scie chimiche, meglio “geoingegneria”), mentre l'aviazione Usa ammette, di colpo, che i piloti dei jet sono frastornati dai continui avvistamenti di Ufo. Il Medio Oriente non fa più notizia, eppure dovrebbe: non si è ancora spenta l'eco del terrore scatenato dal sedicente Stato Islamico, protetto e armatissimo da precisi settori dell'intelligence atlantica prima dell'elezione di Trump alla Casa Bianca. Gli stregoni della finanza oggi si mostrano inquieti: temono un crollo catastrofico dell'economia fittizia gonfiata dalla speculazione. Mario Draghi smentisce integralmente la sua vicenda professionale e arriva a evocare addirittura la Modern Money Theory, cioè la restituzione della sovranità monetaria agli Stati, mentre Christine Lagarde, in uscita dal Fmi e diretta alla Bce, parla apertamente degli eurobond (che metterebbero fine all'incubo dello spread, consentendo all'economia europea di tornare a investire e produrre lavoro). Sono voci frammentarie di élite potentissime che oggi appaiono divise e lacerate da faglie profonde, come quella che opporrebbe il governo Usa al cosiddetto cartello Rothschild, ora schierato con Silicon Valley e con la Cina, pronto a sostituire il dollaro con un'altra possibile valuta internazionale, come propone la Bank of England.

I segnali non sono rassicuranti, c'è chi teme un collasso che potrebbe spalancare scenari di guerra. Nell'Italia che assiste alla strage indiscriminata di alberi d'alto fusto, a quanto pare tagliati per fare spazio al misterioso 5G (vera incognita, per la salute), i genitori si rassegnano a sottoporre i bambini a vaccinazioni improvvisamente obbligatorie, somministrate in batteria – oggi ai neonati e forse domani anche agli adulti, pena la perdita del passaporto e della patente di guida come in Argentina? Ma non importa, evidentemente, se in tanti battono le mani alla piccola strega Greta Thunberg, che recita a soggetto davanti alle Nazioni Unite puntando il dito contro tutti noi. Un'intimidazione ad personam, minacciosa e sinistra: guai a voi, branco di incoscienti. Come osate continuare a sperare di migliorare la vostra vita? Musica, per le orecchie dei tagliatori di bilanci. Nulla che possa impensierire le major, gli oligarchi, le multinazionali. Greta ce l'ha con noi, con ognuno di noi: punta a far crescere il nostro senso di colpa, quello del giovane che sogna l'auto nuova, del nonno che sperava in una vecchiaia serena. Grazie a Greta, i cavalieri dell'austerity altrui – da Palazzo Chigi alla Commissione Ue – potranno accanirsi sulla popolazione con meno scrupoli, specie se l'economia mondiale dovesse davvero volgere al peggio. Nuovi sacrifici in vista? Niente paura, la lezione della piccola attrice svedese viene in soccorso dei grandi devastatori del mondo: la colpa non è loro, è nostra. Soffrire è giusto, ce lo meritiamo.

(Giorgio Cattaneo, 26 settembre 2019).

Commenti   

0 # gretine/i, proconsoli e alienibeppe pal 2019-09-27 16:23
Oggi, Milano zona Lambrate, una intera scuola di bambini tra sei o otto anni tutti “armati” di cartelloni gretine muovevano probabilmente verso la stazione, punto nevralgico per dare più risonanza al messaggio (poi bambini più piccoli della gretina fanno tenerezza che la gretina più non fa). Chi erano i leader? I maestri e questi bambini proprio come la gretina non facevano scuola ma scioperavano.
Magari, poi, hanno fatto pure tutte le vaccinazioni prescritte.
Un tempo forse si chiamavano “balilla” … Esagero col paragone? Forse.
Ma non è colpa dei bambini, è merito di chi nel gioco del tiro alla fune tira mentre l’altra squadra, che siamo noi, molla e perde.
Chi autorizza questi “scioperi”? Il Ministro e chi è il ministro del MinCulpop se non un Morto che Cammina di questo governo di Zombie? (governo che è la somma di trent’anni di governi alternati Brodi-Perlusconi e via dicendo).
Questi sono i nostri Proconsoli e bisogna convincersi e convincere che sono a portata di mano e non entità (“Aristocratici”, elite, 1%) che non sai dove si trovano (per ciò, credo, si parla di Alieni che hanno eletto una razza “padrona” che è, poi, presso l’umanità un altro Proconsole per conto degli alieni).
E siccome sono a portata di mano, visibili e tangibili, o si fa la rivoluzione, intesa come un non pranzo di gala, o nell’impossibilità la rivoluzione è nel credere, creare e lavorare per una nuova narrativa che fissi in maniera semplice e intelligibile i termini e la concretezza del conflitto che serve a chi, poi, deve tirare la fune (a noi tutti). Inseguire la loro narrativa e sul loro terreno (i media sono loro, la culpop è loro) oltre ad essere perdente (per ovvia asimettria di forze) non fa i “muscoli” che poi devono tirare la fune.
(sarò diventato Chance il giardiniere?)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscrizione al Movimento Roosevelt

50,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio MASSONERIA ON AIR

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Gestione Cookies

EU e-Privacy Directive

Questo sito web usa i cookie per gestire autenticazione, navigazione, e altre funzioni.
Usando questo sito, si accetta che questi files possano essere scritti sul vostro computer.

Consulta la nostra Privacy Policy

Consulta i documenti della e-Privacy Directive

Hai rifiutato di usare i cookies. Questa azione può essere riveduta.

Hai accettato che i cookies vengano scritti sul tuo computer. Questa autorizzazione può essere revocata.