Blog header

0
0
0
s2sdefault
Riceviamo e pubblichiamo il seguente articolo del socio rooseveltiano piemontese GIORGIO CATTANEO.
Si tratta di un contributo davvero interessante e pieno di suggestioni feconde.
Suggestioni ideologiche e "concretamente programmatiche" per il presente e il futuro che si sposano benissimo con la generale proposta rooseveltiana di un nuovo paradigma social-liberale e radicalmente democratico da diffondere con metodologia "glocal".

Eresia verde, l'ultima ideologia vincente prima del neoliberismo
Un mondo più pulito, e quindi più giusto. In una parola: più verde. Erano gli anni '80, e il nuovissimo radicalismo ecologista del "Sole che ride", di matrice scandinava, poteva sembrare un lusso. Era una suggestione "da tempo di pace", inoculata come un virus benefico in un sistema disordinato e molto inquinato eppure in costante crescita, fondato su un consumismo di massa sempre più condiviso, grazie al famoso ascensore sociale funzionante nella vituperata Prima Repubblica, la società consociativa governata da industriali e vescovi, partiti e sindacati.
Superata la lunghissima stagione dell'estremismo, delle bombe e del brigatismo, restava la mafia in Sicilia a far strage di magistrati, mentre montava l'insofferenza per lo strapotere di una partitocrazia logora, corrotta e clientelare. Ma in quell'Italia, così provata dagli anni di ferro e di piombo che aveva appena attraversato, non c'era spazio per il dominio della paura. Non c'era neppure l'ombra dei fantasmi pre-moderni ora riapparsi: povertà e disoccupazione di massa, l'angoscia della vecchiaia senza pensione e di un futuro senza figli. La Grecia era ancora il paradiso in cui andare in vacanza, non l'inferno di oggi senza medicine per i bambini. Nessun esodo di esseri umani disperati: apostoli come Thomas Sankara lavoravano per un'Africa libera e dignitosa. Finiva in soffitta anche il gelido bullismo delle superpotenze: in accordo con Reagan, l'intrepido Gorbaciov stava per rottamare i suoi famosi missili.

Quella italiana era una società relativamente rilassata e tollerante, ottimista e in parte progressista, già divorzista e abortista, non ostile alle provocazioni culturali. Gli intellettuali scrivevano libri, il "Nome della rosa" metteva alla berlina il potere medievale del Vaticano. E un certo Primo Levi prendeva posizione contro i massacri ordinati da Israele in Libano, il martoriatro paese mediorientale dove i soldati del generale Angioni sfilavano tra gli applausi, sui loro carri armati bianchi. Rivista oggi, quell'Italia imperfetta e minata da mali endemici era infinitamente più coesa e meno cinica, più serena e fiduciosa dell'attuale euro-periferia cronicamente depressa. C'è di mezzo un'era glaciale, è vero: senza Internet, le notizie facevano ancora notizia. Il terremoto in Irpinia e il business della camorra, la bomba di Bologna e la strage di Ustica, il bambino finito nel pozzo a Vermicino. Non esisteva Facebook, per gli italiani parlava Renzo Arbore. Minoli intervistava Agnelli, Gianni Minà ospitava De André. Guardava avanti, quell'Italia, verso successi inimmaginabili: una stagione di trionfi per l'economia, gli anni rampanti di Bettino Craxi, il boom del made in Italy. Stupiva il mondo, la penisola dell'Iri, proprio quando l'Inghilterra sprofondava nell'austerity varata dalla Thatcher.

C'era già allora chi pensava di sabotarlo, il Belpaese – i medesimi poteri che l'avevano riempito di bombe, seminando il terrore nelle piazze. E c'era chi, al contrario, sperava di correggerne lo sviluppo tumultuoso, bonificandone le scorie. C'era stato un evento epocale, che aveva costretto tutti a fermarsi e pensare. Era saltata in aria un'enorme centrale nucleare sovietica, in Ucraina. Messaggio esplicito: nessuno può sentirsi al riparo; non c'è frontiera che tenga, di fronte a un simile disastro. Retromessaggio: il mondo ormai è strettamente interconnesso. La nube tossica di Chernobyl aveva investito l'intera Europa, ma l'Italia fu l'unico paese ad avere il coraggio di mettere al bando l'energia atomica. Riletto oggi, l'ideologo ecologista Alex Langer potrebbe sembrare un visionario epigono di Gandhi. Nel loro positivismo scientifico fondato sulla fiducia nella ragione, i fisici Gianni Mattioli e Massimo Scalia, primissimi parlamentari verdi, erano altrettanto consapevoli di predicare nel deserto: sapevano che sarebbero stati ignorati e poi derisi, prima di essere ascoltati. Dalla loro avevano una convinzione speciale, oggi estinta: la forza dell'ideologia. Cioè la visione profonda, prospettica, di un mondo diverso. Un pensiero lungo: come sarebbe bello, se la nostra consapevolezza di oggi potesse produrre, domani, una vita migliore – più sicura, più felice, con più diritti.

Volevano un paese trasformato, in un pianeta progressivamente ripulito. Erano certi che la missione avrebbe richiesto decenni di duro lavoro, anche oscuro, fatto di studio e di consultazione progressiva con cittadini e territori, italiani e non. Sognavano un mondo "glocal", i primi Verdi, rifondato secondo il preciso schema operativo riassunto dal loro slogan: pensare globalmente e agire localmente. Non seminavano odio, ma futuro. Non chiedevano di votare "contro", ma "per": in palio, secondo loro, poteva esserci un domani diverso e inclusivo, migliore per tutti. Non ha nemici, l'ideologia – solo avversari temporanei, popolo da persuadere, alleati potenziali da conquistare alla causa. Non hanno mai sbancato la lotteria delle elezioni, i Verdi italiani – anzi, col tempo si sono degradati fino a scomparire nell'irrilevanza, tra infime diatribe di potere. Non altrettanto si può dire delle loro idee: grazie a quell'eresia, è stata messa in cassaforte una legislazione scrupolosamente attenta alla tutela dell'ambiente. Una rivoluzione copernicana, tradotta in politica, ha imposto (per legge) un cambio di paradigma, nei confronti dell'ecosistema, dai piani regolatori ai depuratori delle fabbriche e delle città.

Poi la cultura "green" è diventata moda, veganesimo chic, persino malaffare (l'opaco business delle rinnovabili). In mano al marketing politico-affaristico, l'ecologismo maninstream s'è fatto dogma, conformismo da pensiero unico, politically correct. Ma intanto la natura è salita in cattedra nelle scuole, e lo splendore dei parchi ha piena cittadinanza, tuttora, in televisione. Potevano sembrare una setta di pazzoidi stravaganti, i discepoli di Langer, quando parlavano di prevenzione sanitaria e sovranità dei territori, qualità della vita e sicurezza alimentare: oggi l'Italia ha norme severissime, in materia, a tutela della genuinità delle filiere corte. E' la filosofia del biologico, settore sempre più trainante, che ha spinto con successo milioni di giovani verso il ritorno all'agricoltura intelligente, pulita e selettiva. E persino nelle regioni terremotate dell'Italia centrale, ancora ingombre di macerie, è il consumatore della porta accanto a tenere in piedi l'economia del contadino, del piccolo artigiano. Cambiano le stagioni e tramontano i partiti, ma le idee camminano. Se hanno prodotto futuro, lo si vede alla distanza. Chi ne ha subito il fascino, in questi anni, ha condiviso un immaginario fondato su un'estetica, prima ancora che su un'etica: un mondo più verde è innanzitutto più bello.

Oggi, i vincitori delle elezioni sono costretti a parlare soltanto di soldi: reddito garantito, meno tasse. Sono misure d'emergenza, richieste dalle circostanze. Siamo infatti tornati al "tempo di guerra": non c'è più spazio per pensieri lunghi. Eppure, chi poi le guerre le vince per davvero – compresa l'ultima, mondiale – dalla sua parte non ha solo gli arsenali, ha anche e soprattutto un'idea chiara in testa, per il "dopo". E' quella, in fondo, che assicura la vittoria. Quella che oggi manca ancora, non a caso, rendendo proibitiva la percezione del futuro. E' tutto più difficile, nel mondo digitale ultra-globalizzato? Eppure, in teoria, dovrebbe essere più facile far circolare idee, farle attecchire. A latitare è forse l'humus, il fertile terreno su cui coltivarle, dandosi tutto il tempo necessario. Sul piano culturale, l'ultima incarnazione dell'ecologismo nato negli anni '80 è stata la teoria economica della "decrescita felice", sviluppata dall'italiano Maurizio Pallante con il francese Serge Latouche. La loro intuizione, mutuata da Bob Kennedy: alla crescita del Pil non corrisponde affatto quella del benessere. Non c'è stato bisogno di metterla alla prova: a stroncarla ha provveduto la "decrescita infelice" imposta dall'oligarchia europea.

Una studiosa come Ilaria Bifarini, "bocconiana redenta", conferma che oggi, grazie alla deformazione strutturale del profitto finanziarizzato, la crescita del Pil non solo non migliora le condizioni del cittadino medio, ma addirittura le peggiora, accrescendo le diseguaglianze. Forse la soluzione non sta nel prodotto interno lordo, crescente o decrescente, ma risiede da tutt'altra parte: nel futuro, nel mondo delle idee. Il brutto film di oggi sembra fatto apposta per oscurarlo in ogni modo, l'avvenire: è un copione dell'orrore a corto raggio, che propone una normalità di sacrifici e sofferenze, terrorismo e guerra. Viviamo in un kolossal, scritto e diretto dal peggiore degli autori: la paura. Un labirinto cieco, che sembra senza uscita. Ma da ogni dedalo c'è sempre una qualche scappatoia – magari verticale, da indovinare alzando gli occhi al cielo. La forza dell'ideologia sta anche nell'universalismo delle idee: se qualcosa è buono qui, dev'esserlo anche altrove. Vale per tutti, ovunque: le idee non hanno nazionalità, ma possono salvare le nazioni. Globalizzare la democrazia, fermando il mostro onnivoro: roba da avanguardisti carbonari. Dicevano, i seguaci di Alex Langer: ma perché mai avvelenarci l'anima, in un paese favoloso (un Eden, per il turismo verde) che detiene la maggior parte dei beni culturali della Terra? Parole spese quarant'anni fa. Qualcuno oggi sa come saremo fra tre anni?

(GIORGIO CATTANEO)


A cura della REDAZIONE MOVIMENTO ROOSEVELT (www.movimentoroosevelt.com)



(Articolo del 29 marzo 2018)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscrizione al Movimento Roosevelt

50,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario)

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio MASSONERIA ON AIR

Massoneria on air archivio

Gestione Cookies

EU e-Privacy Directive

Questo sito web usa i cookie per gestire autenticazione, navigazione, e altre funzioni.
Usando questo sito, si accetta che questi files possano essere scritti sul vostro computer.

Consulta la nostra Privacy Policy

Consulta i documenti della e-Privacy Directive

Hai rifiutato di usare i cookies. Questa azione può essere riveduta.

Hai accettato che i cookies vengano scritti sul tuo computer. Questa autorizzazione può essere revocata.