Blog header

Continuo con l'ultima parte l'articolo di sintesi sulle posizioni in campo riguardo all'obbligo vaccinale, dopo la parte terza e quarta, esaminando gli ultimi tre punti del dibattito.

7. I vaccini sono efficaci? E lo sono tutti allo stesso modo o alcuni più di altri?

COE e TOL. Certamente sì. Sono la più grande invenzione della medicina da sempre. Hanno consentito e consentono di salvare ogni giorno milioni di vite. È solo grazie ad essi che molte patologie sono praticamente scomparse, che non si vedono più bambini nel polmone artificiale, che la salute della popolazione è migliorata. Sono così efficaci da essere vittime del loro stesso successo. La diminuzione delle epidemie ha fatto perdere di vista che, in assenza dei vaccini, tornerebbero ad aggirarsi per l’Europa malattie ormai scomparse, come la difterite e la poliomielite e il morbillo farebbe danni gravissimi.

LIB. È possibile che le vaccinazioni abbiano contribuito a ridurre quasi a zero molte patologie, ma è un dato di fatto storico che l’incidenza delle malattie – di tutte, sia quelle coperte da vaccinazione sia quelle non coperte, come la TBC, la malaria, la febbre tifoide, il morbillo, la pertosse - era in costante diminuzione già decenni prima che venissero introdotte le vaccinazioni da massa e la mortalità per tali patologie era praticamente a zero quando furono introdotti i vaccini. Basta guardare i grafici di ISTAT e UNICEF. Si guardi la mortalità per morbillo e si ricordi che il vaccino fu introdotto in Italia nel 1976 e raccomandato dal 1979. Poi si guardi il grafico sui casi di morbillo costruito con i dati ISTAT. Certamente il vaccino del morbillo non ha salvato milioni di vite, almeno in Europa, come sostiene con enfasi, ma senza prove, la propaganda sanitaria.

Morbillo 1888 2017 bdc52
Morbillo 1888 2017 bdc52
Viene davvero difficile indicare queste ultime come l’unico fattore causale in gioco né viene mai fornita la prova di questa affermazione. La semplice coincidenza temporale non è certo una prova. Il ruolo delle vaccinazioni è stato sovrastimato, a scapito di altri fattori più significativi.

In alcuni casi particolari, come quello della polio, poi, il cambiamento – mai segnalato nei grafici ad uso del popolo – dei criteri diagnostici ufficiali in senso restrittivo prima nel 1955 e poi nel 1959 – ha di fatto conteggiato come polio solo una piccola parte delle patologie che precedentemente erano chiamate così. Per forza i casi sono diminuiti in fretta proprio nel 1959! Si tratta di una diminuzione semantica e non reale, come diceva il dottor Ratner, l’epidemiologo che nel 1960 conduceva un panel di esperti sulla vaccinazione Salk.

D’altra parte, un vaccino può aver successo nell’eradicare un virus, ma peggiorare il problema iniziale, come è successo in India, dove la campagna promossa da OMS e GAVI Alliance per l’eradicazione della poliomielite ha fatto scomparire il poliovirus, ma ha fatto aumentare a dismisura i casi di paralisi flaccida non polio, identica alla paralisi da poliovirus, ma due volte più letale, collegabile al numero di vaccinazioni (47.500 nuovi casi solo nel 2011 e 60.922 nel 2012, mentre nel 1994, prima del programma di eradicazione del virus, erano solo 4800 circa), caricando oltretutto costi enormi sull’India. Per capire quanto siano state efficaci le campagne vaccinali contro la poliomielite, occorre andare a fondo, senza accontentarsi degli slogan superficiali. Il governo indiano ha deciso alla fine di tagliare i ponti con la Fondazione Bill e Melinda Gates (fra i principali promotori delle vaccinazioni di massa) per la constatata inefficacia delle vaccinazioni proposte (pentavalente) e per il loro carattere sperimentale, che ha prodotto centinaia di morti. Appare un capitolo a sé, infatti, l'uso dei vaccini nei Paesi in via di sviluppo, dove talvolta vengono sperimentati nuovi prodotti in modo irregolare, provocando danni e morti (come i 14 bambini morti in Argentina per un vaccino GSK).  Le multinazionali del farmaco hanno già collezionato lunghe serie di condanne per pratiche scorrette o illegali.

Comunque, l’efficacia dei vaccini è assai variabile. Una panoramica dei problemi connessi ai vaccini pediatrici, a cura del prof. Aldo Ferrara Massari, docente alla Facoltà di medicina di Siena, si può leggere qui. Il vaccino contro il morbillo è fra i più efficaci, ma non impedisce di sviluppare la malattia e di trasmetterla e non garantisce immunità permanente. “Secondo la FDA nel 1988, l’80% dei casi di morbillo erano di persone precedentemente vaccinate al morbillo. Stando ai dati ufficiali sulla tanto sbandierata (e inesistente) epidemia di morbillo in Italia nel 2017, il 12% dei casi si è verificato fra vaccinati  (colpendo soprattutto gli adulti, con il 74% dei casi sopra i 15 anni, e i neonati, come atteso in assenza di immunità naturale). Un recente studio, nel quale gli esami di laboratorio sono stati effettuati al CDC, dimostra la trasmissione del virus vaccinale da un soggetto vaccinato due volte ad altri soggetti vaccinati a New York. 

Il vaccino contro la parotite è assai meno efficace e negli USA sono ormai numerosi i college (per esempio Harvard) dove la malattia (complicanze comprese) si è diffusa in popolazioni completamente vaccinate. Non per niente due ricercatori della Merck denunciarono nel 2010 la frode nei dati sull’efficacia del vaccino MPR dichiarati dall’azienda. Se si volesse verificare quanti vaccinati contro la polio negli anni ‘50-’60-’70 siano ancora protetti dal vaccino, secondo parecchi ricercatori ci sarebbero parecchie sorprese (altro che effetto gregge!); inoltre, i vaccini antipolio non impediscono affatto il contagio; alcuni soggetti risultano contagiosi decenni dopo la vaccinazione. Questo ovviamente stimola la furia vaccinista di chi vorrebbe tutti i cittadini continuamente sottoposti a richiami per ogni malattia possibile fino alla tomba, ma d’altra parte dimostra che, anche senza una copertura vaccinale elevata, le epidemie non si vedono in Europa, segno che non sono solo i vaccini ad impedirle. Il vaccino acellulare contro la pertosse non è molto efficace nell’impedire il contagio né la malattia.  L’obbligo del vaccino antivaricella lascia perplessi, per le ragioni che hanno spinto a produrre il vaccino e per gli effetti indesiderabili che si porta dietro. Un discorso a parte merita il vaccino antinfluenzale, la cui utilità è assai dubbia, mentre la presenza di quantità rilevanti di mercurio lo rende almeno sospetto e renderebbe comunque contagiosi i vaccinati 6 volte più dei non vaccinati (ultimamente, alcuni lotti sono stati ritirati per morti sospette).

Senza entrare nel merito di ciascun vaccino, che in fondo non è compito nostro, diciamo che complessivamente la protezione non è garantita per tutti e non è permanente, rendendo vano il fantomatico obiettivo del 95% di soglia (arbitrario, come si è detto, e variabile per ogni vaccino), con qualunque livello di copertura vaccinale. Sarà per questo che molte ASL, disattendendo la legge, impediscono di fare gratuitamente gli esami sierologici per rilevare la presenza di immunizzazione naturale o vaccinale? Quanti casi di mancata immunizzazione si scoprirebbero? Tant’è vero, come si è detto, che l’eradicazione del morbillo, dichiarata vicinissima fin dagli anni ‘60, rappresenta come una sorta di Santo Graal sempre inseguito, ma irraggiungibile, nonostante soglie di copertura del 99-100%. Forse bisogna ammettere che non si riuscirà mai a sconfiggerlo. Lo dice il decano degli epidemiologi americani, fondatore del CDC, Alexander Langmuir, che definisce il morbillo una "infezione autolimitante di breve durata, di moderata gravità e bassa mortalità” : "A chi mi chiede: “Perché vuoi eradicare il morbillo?” rispondo con la stessa risposta che Edmund Hillary utilizzò quando gli chiesero perché voleva scalare il monte Everest: “Perché è lì”. Insomma, una questione di principio, non una necessità medica. E forse un pretesto per vaccinare all’infinito popolazioni sempre più estese. Un comunicato stampa dell’associazione medica ASSIS riassume questa posizione:

La migliore letteratura scientifica dimostra, però, che per molti vaccini non esistono prove di alcun ‘effetto gregge’, in particolare in riferimento a: tetano (non è nemmeno contagioso), difterite, pertosse, epatite B; vi sono dubbi su Haemophilus influenzae tipo B, parotite, varicella  e polio iniettivo.
Inoltre, la evocata soglia di copertura del 95% non ha basi scientifiche per tutti i vaccini  e comunque la copertura non è raggiungibile vaccinando solo i minori fino a 16 anni. Per quanto riguarda il morbillo, in particolare, ad oggi nessuna nazione lo ha eradicato  con il solo vaccino, pur avendo raggiunto coperture ben superiori al 95%.

D’altra parte, quando un professorone come il prof. Burioni cerca di dimostrare che i bambini vaccinati si ammalano meno di quelli vaccinati, incorre in infortuni scientifici come questi (non per niente il prof. Yehuda Schoenfeld, uno dei massimi esperti mondiali sulle malattie autoimmuni, che sostiene la relazione fra vaccini e autoimmunità in soggetti predisposti, ha 78.584 citazioni in riviste scientifiche, un i10-index di 1.146 e un indice H di 121 (fonte), mentre il Professor Roberto Burioni ha 2.567 citazioni, un i10-index di 61 e un indice H di 27 (fonte). Tanto per capire chi, secondo i criteri seguiti nel mondo scientifico, è considerato più autorevole  - anche se, ovviamente, costituisce fallacia ad personam fondare l'attendibilità di un argomento sull'autorità della fonte, come fanno i difensori della Scienza non democratica).

Un problema a parte è quello dei cosiddetti “bugiardini” dei vaccini, molti dei quali la scorsa estate sono stati modificati nelle indicazioni terapeutiche: per esempio, l’esavalente Hexyon, clinicamente testato fino a 24 mesi, come dichiarato dalla scheda tecnica dell’azienda, è stato esteso dall'AIFA senza ulteriori studi a soggetti di età superiore. Lo stesso è accaduto per altri preparati, usati nella vaccinazione obbligatoria, come l'Infanrix Hexa (36 mesi). In questo modo, i preparati vaccinali possono essere usati per fasce di soggetti molto più estese, ma senza alcuna contezza del rischio. Le spiegazioni date da AIFA appaiono insufficienti. Come si è già detto, si tratta di una violazione deontologica usare un farmaco per soggetti diversi da quello per i quali è stato approvato.

RAD. Altro che efficaci! I vaccini sono dannosi e hanno causato più morti e danni di quanti ne abbiano evitati. Per fare un esempio fra i tanti, nel 2010 nel Regno Unito uscì un articolo che mostrava i dati ufficiali - largamente sottostimati - con un numero di morti e di danni gravi superiore a quelli della malattia. Dopo l'approvazione del decreto Lorenzin, in Italia a dicembre erano già 17 i bambini da 0 a 6 anni morti all'improvviso. Ora sono già una quarantina. Quanti di loro sono morti in conseguenza della vaccinazione? Qui si può leggere un elenco lunghissimo di bambini morti nel mondo in seguito a vaccinazione. Utilizzando i dati del VAERS (Vaccine Adverse Events Reporting System) statunitense, è stato calcolato che negli ultimi 20 anni negli USA sono morti per vaccini multipli 145.000 o più bambini. Come si fa a dire che le vaccinazioni di massa salvano vite umane? Si tratta di una colossale menzogna.

Questo è il prospetto preparato dal prof. Paolo Bellavite, autore del libro Vaccini sì, obblighi no. Le vaccinazioni pediatriche tra evidenze scientifiche e diritti previsti nella costituzione italiana, Cortina, 2017.
8. Perché radiare i medici dissenzienti?

COE. Perché sono degli irresponsabili che tradiscono la scienza. Sui vaccini c’è una verità incontrovertibile, certificata da un enorme corpus di ricerche peer reviewed e chi non si riferisce a tale verità non è un medico, ma un praticone e un ciarlatano, nonché una minaccia per la salute pubblica. Anzi, bisogna proprio fare in modo che chi critica i vaccini nel mondo medico venga isolato, degradato e radiato dall’Albo, perché rappresenta un pericolo per la scienza evidence based. I medici che sconsigliano i vaccini violano la deontologia professionale e vanno rimossi (parole di Walter Ricciardi, presidente dell’IIS).

TOL. I medici devono essere corretti nell’informare sui vaccini, ma ci possono essere casi in cui effettivamente il medico, in scienza e coscienza, può ritenere opportuno rinviare o evitare le vaccinazioni. Le situazioni individuali sono tante ed è conforme alla deontologia professionale la personalizzazione della cura. Inoltre, la radiazione dei medici critici limita la libertà di pensiero del professionista, al quale viene impedita una valutazione adeguata del singolo caso. La discussione va ricondotta all’ambito scientifico, non a quello disciplinare. Peraltro, il Ministro De Lorenzo, condannato per la tangente GSK per il vaccino antiepatite B, non fu radiato dall’Albo. Perché due pesi e due misure?

LIB e RAD. La radiazione di alcuni medici per aver legittimamente espresso dei dubbi sulla pratica vaccinale indiscriminata non ha nulla a che fare con una discussione scientifica, ma è una pura prova di forza. Un gruppo potente di medici sponsorizzati dalla politica e da Big Pharma vuole difendere con ogni mezzo il lucroso affare concordato a Washington nel 2014. Pur disponendo della propaganda a reti unificate e di media asserviti, vedono come una spina nel fianco i clinici seri, quelli che conoscono per esperienza quotidiana gli effetti delle vaccinazioni sui bambini e che sono perciò preoccupati. Di qui due politiche, il bastone e la carota: la radiazione di qualche medico più esposto consente di educarne cento, colpendone uno (gli altri saranno intimiditi e ridotti al silenzio); d’altra parte, i medici e i pediatri che si rendono collaborativi al piano vaccinale senza se e senza ma, e soprattutto senza scrupoli di coscienza, vengono premiati in denaro, coccolati e vezzeggiati. Tanto perché sia chiaro quale sia la linea giusta da tenere.

In questa oscena lotta di potere, il benessere e la salute dei bambini servono solo come pretesto per giustificarsi di fronte al popolo, che senza verificare si fida delle istituzioni politiche e sanitarie, anziché del proprio giudizio. È triste e penoso che la discussione scientifica, che si nutre di ricerca, di confronto metodologico, di critica, venga mortificata in questo modo. Ma è anche il segno che, sul piano scientifico, chi sostiene questa legge perversa non ha argomenti seri, capaci di reggere una discussione condotta con modalità appropriate. Il dottor Roberto Gava è stato radiato per obiezioni di questo genere.

Soprattutto, questa politica autoritaria mina alla radice la fiducia dell’utente rispetto al medico (come fa a fidarsi, se la sua decisione dipende da incentivi esterni e non dal bene del paziente?) e getta discredito sull’intera classe medica, umiliandone la libertà di pensiero e di espressione. Appare quindi ottusa e miope. In ogni caso, la Costituzione dichiara che “l’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento” (art. 33) e che “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure” (art. 21). Chi vuole zittire un collega per un’opinione scientifica e non per gravi azioni contrarie alla deontologia professionale sta compiendo un gravissimo abuso, che lo colloca al di fuori della democrazia e della scienza. Si tratta di una forma di repressione dittatoriale del dissenso e di censura del libero pensiero che deve essere energicamente contrastata. D’altra parte, un articolo di The Lancet pubblicato qualche mese fa, mostrava una preoccupante tendenza alla dittatura da parte dei medici, rispetto ad altri scienziati. Il linguaggio stesso dei documenti ufficiali tradisce una mentalità inquisitoria e talebana, che tratta il dissenso scientifico come un’eresia religiosa da punire: nel Piano nazionale Vaccini si parla infatti di “azioni di deterrenza e disciplina etica e professionale nei confronti dei medici e degli operatori infedeli che non raccomandano o sconsigliano la vaccinazione” (p. 49). Si possono leggere i toni incredibilmente coercitivi e sanzionatori del Piano Nazionale Vaccini 2017-2019 ed un commento critico, scritto da un infettivologo.

9. Qual è il ruolo della scienza medica in una società democratica?

COE. La scienza non è democratica. Nella scienza, la verità non si decide a maggioranza, ma in base alla competenza. Solo chi è medico può parlare di medicina, chi ne parla senza competenza specifica è un asino ragliante (Prof. Roberto Burioni). In ambito scientifico, sono gli esperti che sanno come stanno le cose e gli altri devono fidarsi di loro. Perciò sui vaccini la gente deve tacere e obbedire.

TOL. La scienza medica richiede competenza, ma questo non significa che nessuno oltre i medici possa parlare di salute. Ci vorrebbero toni più moderati. Il compito del medico è spiegare, persuadere, non costringere. Non è il suo compito.

LIB. La scienza è così democratica che ha in comune con la democrazia il fondamento, ovvero l’indagine critica, libera e aperta (J. Dewey). Identificare la democrazia con la volontà della maggioranza implica una visione assai misera di essa. Certo che nella scienza la verità non si decide a maggioranza e che uno solo può aver ragione contro tutti, ma appunto per questo non è lecita la repressione del dissenso, nessuno possiede la verità e ogni obiezione, anche proveniente da una persona non esperta, va vagliata con rigore metodologico, perché potrebbe essere vera. I primi a insultare, zittire e offendere indistintamente colleghi e profani sono proprio i professoroni talebani che si autolegittimano come unici depositari della Verità e che per ciò stesso sono al di fuori della scienza. La scienza non è un accumulo di dogmi, ma un insieme di verità provvisorie, destinate a sempre nuove revisioni. Nessuno ne è l’interprete autentico e definitivo. Siamo di fronte ad un arrogante e ottuso razzismo dell'intelligenza, che fa male alla scienza e alla democrazia.

Inoltre, in un dibattito come quello sui vaccini, nel quale viene posto come priorità di salute pubblica un problema minore, rispetto ad altre emergenze ben più gravi (si pensi all'inquinamento atmosferico, che in Italia nell'indifferenza generale causa ogni anno 59.500 morti premature in tutte le fasce di età dovute all’eccesso di pm 2,5, 3.300 dovute all’inquinamento da ozono e 21.600 a quello da diossido di azoto - altro che il morbillo!); nel quale vengono diffuse in modo sistematico falsità, mezze verità e plateali mistificazioni; nel quale sono presenti clamorosi conflitti di interessi e grandi interessi in gioco, a spese dei contribuenti, che secondo gli estensori della legge dovrebbero pagare e tacere, ci mancherebbe pure che Pantalone non avesse diritto di parola!

Senza controllo dal basso non c’è democrazia. Senza confronto delle opinioni non c’è democrazia. Chi prende decisioni politiche deve renderne conto ai cittadini. Ed è proprio ciò che non vediamo in questo scenario da fascismo sanitario: rifiuto del confronto e del dibattito con i mezzi e i metodi della scienza, rifiuto del dissenso senza motivazione, atteggiamento autoritario e liberticida nei confronti del cittadino. Già solo questo basta a far comprendere che qui la scienza non c’entra ed è solo una questione di potere. Ma chi sono questi tiranni in camice bianco che si permettono di imporre con tanta arroganza ai cittadini italiani di subire e di tacere? Quali altre ricette di bassa cucina ci stanno preparando? Non c’è niente di cui stare tranquilli, come osserva il dottor Fabio Franchi, che osserva l’analogia dei metodi di propaganda attuali con quelli – sinistri – di un passato che credevamo alle spalle. È in pericolo la democrazia. 

Poco tempo fa Richard Horton il direttore di Lancet, una delle più famose riviste scientifiche al mondo, ha scritto che fino alla metà dei cosiddetti “articoli scientifici” apparsi sulle riviste mediche accreditate potrebbe avere una base non scientifica. E ciò non solo a causa della poco ortodossia del metodo o della grandezza dei campioni utilizzati, ma anche per il flagrante conflitto di interessi che vige tra studiosi, medici e case farmaceutiche. (prof. Luca Fazzi).


...la valutazione degli esperti è che metà della letteratura scientifica sia falsa.
“La scienza – scrive nel 2015 l’ex direttore di «The Lancet» Richard Horton – sta andando verso l’oscurità”. La sua analisi è spietata: gli scienziati troppo spesso forgiano i dati per avvalorare una tesi precostituita. Oppure rivedono le ipotesi per adattarle ai dati. Anche le riviste meritano la loro parte di critica, mentre le università sono in una lotta costante alla ricerca di soldi e talenti”. John P.A. Joannidis, docente di politiche sanitarie e direttore del Centro prevenzione e ricerca all’Università di Stanford, ha pubblicato nel 2015 su “Plos Medicine” un articolo dal titolo emblematico: “Perché la maggior parte della ricerca è falsa”. Ancor più chiare le conclusioni: adottando una serie di criteri indice della veridicità di uno studio, “le simulazioni dimostrano che per la maggioranza degli studi è assai più probabile che una ricerca sia falsa piuttosto che veritiera”. (dott. Guido Giustetto, Presidente dell'Ordine dei Medici di Torino)
 
Nota conclusiva.

L’argomento è vastissimo ed è impossibile sintetizzarlo in poche righe. Lo sviluppo maggior riservato agli argomenti della posizione LIB è dovuto a due ragioni: la prima, è che si tratta della posizione più diffusa in Europa occidentale; la seconda è che in Italia sui media questi argomenti sono sottoposti a costante e feroce censura. Segno, peraltro, che sono scomodi, che non si è in grado di smentirli con metodo scientifico e che, se la gente li conoscesse meglio, potrebbe farsi un’opinione più critica e meno convenzionale della faccenda. Da ultimo, a livello di riflessione politica occorre rispondere alla domanda: quale politica vaccinale è compatibile con una visione progressista, social-liberale e democratica della salute? A questo dedicherò una riflessione di sintesi a parte.

“La storia insegna infatti che la tirannia più insidiosa […] è quella che acquista potere attraverso una serie di cedimenti progressivi da parte dei cittadini” (George Orwell)

"Se non mettiamo la Libertà delle Cure mediche nella Costituzione, verrà il tempo in cui la medicina si organizzerà, piano piano e senza farsene accorgere, in una Dittatura nascosta. E il tentativo di limitare l'arte della medicina solo ad una classe di persone, e la negazione di uguali privilegi alle altre “arti”, rappresenterà la Bastiglia della scienza medica". (Benjamin Rush, firmatario della Dichiarazione d'Indipendenza USA - 17 Sett 1787)
 
FINE

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscrizione al Movimento Roosevelt

30,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario)

Cerca nel Blog

Login Form

Archivio MASSONERIA ON AIR

Massoneria on air archivio

Gestione Cookies

EU e-Privacy Directive

Questo sito web usa i cookie per gestire autenticazione, navigazione, e altre funzioni.
Usando questo sito, si accetta che questi files possano essere scritti sul vostro computer.

Consulta la nostra Privacy Policy

Consulta i documenti della e-Privacy Directive

Hai rifiutato di usare i cookies. Questa azione può essere riveduta.

Hai accettato che i cookies vengano scritti sul tuo computer. Questa autorizzazione può essere revocata.