Blog header

L'IPOTESI DEL PIANO INDUSTRIALE DEL GOVERNO SULL'ILVA.
191001616 df931a7a f974 49fc bc6b cf0d8cfc56b5 b0ce4

In attesa di conoscerlo e studiarlo più a fondo, alcune brevi considerazioni, premesso che tutto quello che è utile per la riduzione dell'impatto ambientale, per il mantenimento dell'occupazione e per il mantenimento del settore strategico della siderurgia è comunque positivo (ma è sufficiente?),

La riduzione dell'impiego di coke è significativa, grazie all'impiego di tecnologie nuove e di materiali ferrosi pre ridotti che tra l'altro aumentano la qualità dell'acciao essendo prodotto da materiali e ferrosi primari invece di rottami ferrosi. Però forse si poteva essere più coraggiosi estendendo la produzione attraverso forni elettrici alimentati a gas a una quota maggiore di produzione (ricordiamo che il gas inquina il 70% in meno del carbone) Ciò non toglie che possano esserci dei miglioramenti futuri quando altri tipi di tecnologie saranno mature.

A proposito di nuove tecnologie sarebbe stata l'occasione per sperimentarne altre, anche se non ancora consolidate, come quelle a idrogeno verde, implementando così un circolo di produzione energetica virtuoso. Non avrebbe potuto avere una quota alta di produzione in quanto ancora non totalmente sperimentato, quindi a impatto economico incerto, ma potrebbe gettare le basi per un più vasto impiego futuro. https://www.qualenergia.it/articoli/la-scommessa-dellidrogeno-verde-per-unacciaieria-in-funzione-un-impianto-pilota-da-6-mw-in-austria/

"E’ chiaro però che per realizzare tutto questo, servirà acquistare gas ed energia dal mercato ad un costo economicamente conveniente. Non solo perché i due impianti che produrranno il preridotto saranno alimentati a gas (il che potrebbe anche portare a rispolverare l’idea di costruire un rigassificatore sul territorio tarantino: chi si ricorda la battaglia di diverse associazioni tra cui Peacelink e Legambiente contro la Gas Natural tra il 2004 e il 2007 che voleva costruire un rigassificatore alle spalle dell’Eni?), ma soprattutto perché per alimentare i due forni elettrici non basterà l’energia prodotta dalle centrali termoelettriche presenti oggi nel siderurgico, che attraverso il recupero dei gas daltoforno alimentano l’area a caldo.

E’ chiaro quindi che in questa partita la Snam per il gas e la Saipem per l’energia potrebbero essere in qualche modo coinvolte."

Quanto citato, per andare su tematiche più apertamente geopolitiche, è paradigmatico di quanto importante sia per l'Italia la partita che si gioca nel Mediterraneo centro-orientale sullo sfruttamento dei giacimenti di gas presenti al largo di Cipro, dell'Egitto, della Grecia e della Libia, e di quanto siano connesse le situazioni geopolitiche che vanno da Kurdistan siriano, alla Turchia, a Cipro, per arrivare alle coste libiche. Ecco perchè lo stesso TAP, che arriva in Puglia, è un tassello importante nella politica industriale, come lo sarà il gasdotto che passerà attraverso Cipro e la Grecia.( e che 5S hanno tentato di boicottare a livello europeo) Non dimentichiamo che in ballo ci sono valori che sfiorano l'intero PIL italiano e che l'ENI è la compagnia che ha la maggior percentuale di diritti di sfruttamento e non a caso nell'operazione Accelor M. vengono coinvolte anche SNAM e Saipem Avere quel gas, sicuro,non influenzato da insicurezze di approvvigionamento, a basso prezzo è fondamentale per la nostra economia, e l'ILVA ne è solo un esempio Il nostro torpore geopolitico in Libia e Eastmed (dove torneremo con appositi post) si ripercuote anche sulle nostre dinamiche industriali.

Abbiamo visto che l'interesse principale di Accelor Mittal è stato in Europa quello di acquisire importanti pezzi della siderurgia per poi chiuderli, dopo averne acquisito la clientela, per riversare la produzione nei paesi emergenti ed eliminare la concorrenza. Con una quota del 60% dell'ILVA A.M. potrebbe tentare di realizzare questo piano anche nel futuro. Niente ci garantisce che non lo farà con qualche scusa. Come infatti è avvenuto dopo le avventate e ingenue rassicurazioni di di Maio che aveva dichiarato qualche mese fa di aver risolto il problema in poche settimane... Perlomeno, visto che CDP e INVITALIA avranno quote significative nel consorzio (guarda caso CDP era presente anche nel piano industriale, molto migliore e realistico di Del Vecchio), sarebbe opportuno, anzi fondamentale, creare una Golden Share, come avviene in altre industrie partecipate statali strategiche come Fincantieri e Leonardo, in maniero che lo Stato abbia l'ultima parola sulla strategia industriale del Gruppo.
https://www.corriereditaranto.it/2019/12/27/ex-ilva-ecco-il-piano-industriale-del-governo-per-arcelormittal4/?fbclid=IwAR0Zdf53FFCXzECN23sav5wkYsrKY2xD9MwRGSk7hACv7E8j2MOmuxboWX8

Aggiungi commento


Translate

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Massoneria on air archivio 300