Blog header

Magaldi: c'è il sistema Covid-Cina dietro il divorzio tra Bill e Melinda Gates


Il presidente del Movimento Roosevelt: né gossip extraconiugale né deliri complottistici ("il vaccino come arma di sterminio") alla base della rottura tra i due. Semmai la Microsoft - e Melinda - prendono le distanze da Bill per evitare ripercussioni, dopo il suo cedimento al sistema di potere che ha usato Pechino per utilizzare il Covid come strumento destinato ad archiviare la libertà in Occidente


«La realtà supera la fantasia dei complottisti e la banalità mediatica del gossip». Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, boccia entrambe le "false piste" evocate nel tentativo di spiegare i retroscena del clamoroso divorzio tra Bill e Melinda Gates, anche alla luce delle notizie che vedrebbero ridimensionato, nel colosso multinazionale dei computer, il ruolo del fondatore. «Sgombriamo il campo da equivoci», raccomanda Magaldi, esponente della massoneria sovranazionale di segno progressista e autore nel 2014 del saggio "Massoni", che svela il ruolo delle superlogge nel grande potere mondiale. «Dietro al divorzio dei Gates non c'è sicuramente una banale storia di relazioni extraconiugali, e neppure il fantasma agitato dal cospirazionismo, che in modo sgangherato imputa a Bill Gates la volontà di "depopolare" il pianeta attraverso pericolose campagne vaccinali».



Se Melinda Gates ha inteso arrivare alla conclusione formale di un matrimonio «che per certi versi era già finito, tra "corna" reciproche e risapute da entrambi», dice Magaldi, «è perché forse ha subodorato che, sul marito, potrebbero rovesciarsi le reazioni di quelli che non hanno apprezzato l'azione di Bill Gates (e di altri) nell'ambito di questa pandemia, proprio per ragioni connesse al sistema-Cina e a coloro che lo utilizzano». Spiega Magaldi: «Il sistema-Cina è uno dei luoghi con cui il massone Bill Gates ha i migliori rapporti: e ora quel sistema ha interpretato la pandemia come una grande occasione di controllo sociale, intonato a quella post-democrazia che lo stesso sistema-Cina ben rappresenta». La chiave del divorzio, secondo Magaldi, sta dunque nella «sapiente» lettura del rapporto tra la pandemia, la Cina e il ruolo di Bill Gates in questi anni di vicinanza con Pechino.

«Potrebbe mai la Microsoft mettere sotto inchiesta il suo fondatore per una relazione, peraltro nota da anni, con una sua dipendente?». Secondo Magaldi, «non è credibile nemmeno che Melinda Gates si sia turbata delle relazioni di Bill con un altro massone di dubbia caratura iniziatica come Jeffrey Epstein: un uomo che ho elementi per ritenere che sia stato ucciso in carcere (non suicidatosi, dunque), dopo essere stato coinvolto in una vicenda considerata "di pedofilia", ma che secondo me, più probabilmente, forse aveva a che fare con l'eventuale abuso di minorenni». In sostanza: per Magaldi, dietro al divorzio c'è il timore di Melinda Gates (e della stessa Microsoft) che il loro "impero" possa subire ripercussioni, nel momento in cui l'intera operazione-Covid - cioè la strumentalizzazione mondiale della pandemia a scopo di potere, per ridurre gli spazi di democrazia in Occidente - dovesse essere definitivamente sconfitta.

 

Fonte: Gioele Magaldi Racconta, su YouTube il 17 maggio 2021

https://www.google.com/url?q=https://www.youtube.com/watch?v%3DAjl6W-DmhiI&source=gmail&ust=1621340706251000&usg=AFQjCNHZCCbgci2ICYgTglkK9RVjxXJ2xQ">https://www.youtube.com/watch?v=Ajl6W-DmhiI

Aggiungi commento


Translate

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Gioele Magaldi Racconta 300

Pane al Pane 300

Il Gladiatore 300