Blog header

Magaldi: pronti a violare il coprifuoco, chiedendo alle forze dell'ordine di fare obiezione di coscienza contro misure insensate, utili soltanto a uccidere l'economia

 

Il presidente del Movimento Roosevelt: oggi Conte ha paura, perché sa di essersi spinto troppo oltre nell'opprimere la popolazione. L'emergenza è stata un colossale test planetario per abbattere libertà e democrazia, come richiesto dal "partito cinese". Chi ha voluto i lockdown dovrà essere processato. Il Covid è servito a fermare Trump, ma anche nel caso vincesse Biden sarà arrestato l'impulso egemonico dell'oligarchia che ha scatenato questa crisi utilizzando la dilagante influenza di Pechino

 

«A quel cialtrone di Giuseppe Conte trema la voce, ormai, nell'annunciare le nuove, inutili e devastanti restrizioni? Fa bene, ad avere paura: sa di essersi spinto troppo oltre, nel prestarsi a fare test di massa per dimostrare fino a che punto è possibile opprimere la popolazione, annullando democrazia e libertà, come vuole l'élite reazionaria che da decenni sta deliberatamente deprimendo l'Occidente». Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, ha una visione chiara dell'origine della crisi in corso: «Prima il terrorismo economico-finanziario, poi la farsa hollywoodiana del terrorismo jihadista, e adesso la pandemia da operetta: sempre le stesse forze manipolano la realtà e la politica contro gli interessi delle collettività, in Italia e nel mondo». Magaldi sfida Conte e i fautori del "coprifuoco" in arrivo: «Saremo la cattiva coscienza di questi mascalzoni, esecutori e mandanti di questa tragicommedia chiamata pandemia». E avverte: «Chi ha ancora sangue nelle vene sarà felice di partecipare alle imminenti "passeggiate" della Milizia Rooseveltiana: senza mascherina e violando il coprifuoco, inviteremo le forze dell'ordine a fare obiezione di coscienza, nei confronti di misure assolutamente inutili in chiave anti-Covid ma micidiali per dare il colpo di grazia all'economia familiare di milioni di italiani».

 

Autore nel 2014 del bestseller "Massoni" (Chiarelettere), che svela il ruolo occulto delle superlogge "neoaristocratiche" nell'imposizione del globalismo mercantilista neoliberale, in cui emerge la Cina come modello alternativo a quello occidentale (efficienza economica, ma senza libertà), Magaldi accusa il "partito cinese", trasversale e influente anche tra le fila del governo Conte, di aver manipolato l'emergenza sanitaria a scopo di potere. «Il governo ha offerto un atteggiamento paternalistico e dispotico. Bisognava dire, sia agli anziani (fragili) che agli ipocondriaci paurosi: state a casa, voi sì. Siate liberi di mettervi in lockdown, se non volete contagiarvi e quindi immunizzarvi. Conosco tanti anziani che hanno contratto il Covid, si sono curati e oggi stanno meglio di prima. Chi invece ha paura, stia casa: si trinceri in un auto-lockdown responsabile, ma non impedisca agli altri di vivere e lavorare».

 

Magaldi cita un virologo mainstream come Guido Silvestri, secondo cui un nuovo lockdown sarebbe irreparabile. «Silvestri dice: state calmi, ormai ci si cura e si guarisce da casa». Ovvio che il numero dei contagiati dipende dall'enorme numero di tamponi effettuati. «Se il numero dei contagiati viene usato dai media come una clava per fare terrorismo psicologico, e poi su questo i politici costruiscono le loro restrizioni, tra ordinanze e Dpcm, è tutto un montare di una colossale manipolazione». Insomma, lo ammettano: «L’aumento delle rilevazioni dei contagi non comporta affatto un’ecatombe», afferma Magaldi. «Piuttosto, così facendo, abbiamo perso altro tempo prezioso: in questi mesi bisognava rafforzare la medicina territoriale e allestire comunque, anche a costo di lasciarli vuoti, dei centri di terapia (intensiva e non). E invece non è stato fatto nulla, di tutto questo. E ora il governo pensa di cavarsela con un nuovo lockdown?». Per Magaldi, occorrerebbe invece «tranquillizzare la popolazione, togliere qualunque coprifuoco, favorire la ripresa di tutte le attività economiche». E inoltre, «spiegare che la contagiosità è un dato fisiologico ampiamente previsto, e che la gran parte dei contagiati stanno bene e non sono in pericolo: la piccola parte di popolazione che avrà complicazioni sarà curabile all’ospedale e soprattutto da casa, in assoluta sicurezza».

 

Durissimo, il presidente "rooseveltiano", con il governo Conte: «Molti protagonisti di questa fase storica andranno processati: per danni alla salute fisica e psichica dei cittadini e per i danni irreparabili arrecati all’economia, quindi alle condizioni di sussistenza, oltre che per grave attentato alla Costituzione». Il “partito cinese”, trasversale e annidato anche nel governo italiano, «sta sfruttando la pandemia per devastare l’economia, che già era in sofferenza, in modo da ottenere un maggior controllo sociale», sostiene Magaldi, che spiega: «Una persona che sia privata della sua autonoma via alla libertà economica sarà più incline a sottomettersi al “padrone” istituzionale che gli dà la mancia, e parliamo di istituzioni oggi occupate da gente che ha in odio la democrazia».

 

Il leader "rooseveltiano" ammette di provare «dolore», di fronte allo spettacolo degli italiani costretti a rinunciare a lavorare, e quindi a sostentarsi economicamente, con anche «la paura di chi vede esaurirsi gli ultimi risparmi: le nostre città sono diventate spettrali, i cittadini già rimpiangono la vita che non c’è più e che di questo passo non potrà più esserci, per lunghi anni». Al tempo stesso, però, secondo Magaldi questa è anche una formidabile opportunità: «E' la grande occasione per mostrare chi è davvero coraggioso e chi è vigliacco, chi ha voglia di combattere e chi è soltanto un “leone da tastiera”, chi ha coscienza dei propri diritti e anche coscienza del proprio dovere, di difendere i suoi diritti e quelli degli altri». Se qualcuno aveva sperato che il governo Conte risarcisse le imprese azzerate dal lockdown e riportasse il paese verso la normalità è rimasto deluso. Al contrario, ora si corre verso nuove, devastanti restrizioni. «La misura è colma», sentenzia Magaldi, pronto a mobilitare la Milizia Rooseveltiana, formazione creata dal movimento da lui presieduto, sorto nel 2015 per democratizzare la politica.

 

«Abbiamo bisogno che, ogni settimana, gruppi “rooseveltiani” (anche esigui) infrangano il lockdown, infrangano il coprifuoco e si facciano portare nei commissariati, diventino dei “fuorilegge” riconosciuti, naturalmente nel senso alto e nobile della disobbedienza civile. E’ quella cosa per la quale, di solito - aggiunge Magaldi - i rivoluzionari pacifici e nonviolenti vengono poi riconosciuti, dalle istituzioni e dello stesso popolo, come benemeriti eroi», ben distinti dai teppisti che devastano vetrine e si scontrano con le forze dell'ordine. «Chi lancia molotov non ha capito che, spesso, poliziotti e carabinieri sono assolutamente simpatetici con le ragioni dei manifestanti: sono cittadini anche loro, e si rendono ben conto di trovarsi a fare i “cani da guardia” di qualcosa che è profondamente iniquo, figlio di una volontà più proterva rispetto a quella dei cialtroni del governo italiano». La missione civile dei "rooseveltiani" è precisa: «Facciamo in modo che il mondo diventi consapevole che il danno di questa pandemia non è nel virus, ma è nelle cattive misure politiche prese per fronteggiarlo».

 

Magaldi offre anche un preciso sguardo geopolitico, alla vigilia delle presidenziali Usa. «Col virus, il "partito cinese" voleva rovesciare Trump, sperando di poter utilizzare Biden come ariete dell'oligarchia, sorretta dai partner occulti dell'unico vero fascismo di oggi, cioè il comunismo cinese». "Ordo ab chao", si dice in massoneria, intendendo il ricorso al caos per instaurare un nuovo ordine. «Ebbene: il caos è stato abbondantemente prodotto con il coronavirus, senza il quale la riconferma di Trump sarebbe stata scontata. Oggi le chance di Biden sono cresciute, ma attenzione: i sondaggi erano sbagliati già nel 2016, quando davano sicura vincente Hillary Clinton». Aggiunge Magaldi: «Sappiate che gli astri di Trump sono migliori di quelli di Biden: non significa per forza che vincerà, ma vuol dire che la sua storia ha da dare qualcosa di più fruttuoso, alla comunità americana e a quella mondiale». Joe Biden? «Sarebbe solo un comprimario, altri deciderebbero al suo posto: e questo è un bene». Grazie a un preciso patto supermassonico, spiega Magaldi, l'eventuale presidenza Biden sarebbe infatti co-gestita da una cabina di regia concorde su un punto: «La necessità di proseguire nel contrasto della pericolosa egemonia del "partito cinese" sull'Occidente, che oggi viene esercitata anche attraverso l'autoritarismo indotto dalla cosiddetta pandemia».

 

Fonti:

 

"Gioele Magaldi Racconta", su YouTube il 2 novembre 2020:

 

https://www.google.com/url?q=https://www.youtube.com/watch?v%3DleycOMW8vS0%26feature%3Dshare%26fbclid%3DIwAR0Bru3j1_Q-6RHFzxa1Z3IOlXV2WanHs_B5tvMn-z5WI5t1bWVGLocjU1k&source=gmail&ust=1604412873913000&usg=AFQjCNFH2Mz29NPChWk-Y2BKdgsz-0YAiw">https://www.youtube.com/watch?v=leycOMW8vS0&feature=share&fbclid=IwAR0Bru3j1_Q-6RHFzxa1Z3IOlXV2WanHs_B5tvMn-z5WI5t1bWVGLocjU1k

 

"Pane al Pane", su MrTv il 31 ottobre 2020:

 

https://www.google.com/url?q=https://www.mrtv.it/pane-al-pane-n-11-con-gioele-magaldi-speciale-elezioni-usa/&source=gmail&ust=1604412873913000&usg=AFQjCNFReJzULpZUuDd4sKhRv1eYqyzukA">https://www.mrtv.it/pane-al-pane-n-11-con-gioele-magaldi-speciale-elezioni-usa/

Aggiungi commento


Translate

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Massoneria on air archivio 300