Blog header

Magaldi: vogliono "suicidare" in carcere Cecilia Marogna, dopo che la stampa l'ha dipinta come fatua e disonesta millantatrice. Vero obiettivo: minacciare l'ex capo dei nostri 007 (ora presidente di Leonardo), in modo che taccia sull'infame business dei rapimenti e delle lucrose liberazioni degli ostaggi italiani in Africa

 

Il presidente del Movimento Roosevelt: una squallida montatura (giudiziaria e mediatica) ha colpito la donna arrestata a Milano, che in realtà aveva scoperto come riscattare con poca spesa padre Pierluigi Maccalli, sequestrato in Mali, per la cui liberazione invece sono stati appena spesi 10 milioni di euro. L'arresto della Marogna, diffamata come "la dama del cardinale Becciu", per Magaldi è un avvertimento di stampo mafioso rivolto al generale Luciano Carta, di cui la Marogna è stata strettissima collaboratrice. Obiettivo: indurre l'ex direttore dell'Aise a non rivelare nulla sulla verminosa speculazione che si organizza regolarmente dilatando i tempi di rilascio degli ostaggi

 

«I veri bersagli sono tanti: c'è anche Papa Francesco, che aveva nominato il cardinale Giovanni Angelo Becciu come "numero due" della Segreteria di Stato vaticana. Ma quello più grosso è un'impresa prestigiosa come Leonardo, punta di lancia dell'hi-tech italiano nel mondo e, ormai, unico soggetto in grado di svolgere la politica estera del nostro paese, vista l'assenza di ministri all'altezza (e anzi, la presenza alla Farnesina di emeriti imbecilli)». Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt ed esponente del circuito massonico progressista internazionale, forte di solide relazioni coi servizi segreti, lancia un'accusa gravissima: dietro al «polverone mediatico-giudiziario» scatenato contro Cecilia Marogna, valente operatrice collegata all'intelligence italiana e vaticana (presentata invece come un'avventuriera dalle mani bucate) c'è un preciso avvertimento, di stampo mafioso, rivolto al generale Luciano Carta, per anni a capo dell'Aise e ora presidente di Leonardo: guai, se si lascia scappare qualcosa riguardo al lucroso business che ruota attorno agli italiani rapiti in Africa. «Funziona così: rapitori e liberatori si mettono d'accordo sulla durata del sequestro, in modo da far lievitare il prezzo del riscatto».

Magaldi è furibondo con il sistema mediatico italiano: il 13 ottobre, la trasmissione "Fuori dal coro" (Rete 4) non ha mandato in onda una sua intervista, in cui chiariva i retroscena inconfessabili dell'arresto di Cecilia Marogna, fermata il 15 ottobre a Milano su mandato di cattura internazionale emesso dal Vaticano. «E non è tutto: l'agenzia Adn Kronos ha pubblicato solo una parte (quella meno rilevante) dell'intervista che ho concesso il 19 ottobre, omettendo quindi gli aspetti sostanziali delle mie rivelazioni». Per questo, annuncia Magaldi il 20 ottobre nella diretta su YouTube condotta da Fabio Frabetti, giornalista di "Border Nights", il presidente del Movimento Roosevelt denuncerà la direzione dell'Adn Kronos all'Ordine dei Giornalisti e anche in altre sedi, comprese quelle legali. «Lo stesso - aggiunge - accadrà se il "Corriere della Sera" ostacolerà la pubblicazione dell'intervista concessa ieri all'ottimo Ferruccio Pinotti, che ho scoperto essere in possesso di informazioni concordanti con le mie». Magaldi segnala - come voce nel deserto, finora - il reportage pubblicato da Luca Fazzo il 15 ottobre sul "Giornale", dal titolo "La guerra tra spie dietro Lady Vaticano": «Un articolo imperfetto, ma che almeno non si beve la storiella della "dama del cardinale": eppure, è rimasto lettera morta».

 

Attenzione, avverte Magaldi: nel caso accadesse qualcosa di irreparabile, a Cecilia Marogna, i «giornalisti cialtroni» ne sarebbero moralmente corresponsabili: «Non hanno indagato sul vero ruolo di quella donna, appassionata di intelligence e preparatissima in materia di questioni geopolitiche». Al contrario: «L'hanno dipinta come una millantatrice anche un po' ladruncola, che avrebbe estorto mezzo milione di euro al Vaticano: come se la Segreteria di Stato fosse una comitiva di babbei, a cominciare dal cardinale Becciu». Di più: «Mezzo milione di euro in cinque anni, tra compensi e spese operative, in quel modo sono un'inezia: e Cecilia Marogna - rivela Magaldi - era arrivata a un passo dalla liberazione di padre Pierluigi Maccalli, detenuto in Mali: liberazione che invece è stata ritardata deliberatamente per far salire il prezzo del riscatto, 5 milioni di euro a carico dell'Italia e altri 5 sborsati dal Vaticano».

 

E' questo - afferma Magaldi - il verminaio per coprire il quale è stata arrestata e messa alla gogna la Marogna, e non solo lei: «Di questo disegno fa parte anche la recentissima condanna, per una questione legata al caso Mps, di Alessandro Profumo, attuale amministratore dell'ex Finmeccanica», galassia cui appartiene la stessa Leonardo. «Anziché straparlare di come la Chiesa di Francesco scialacquerebbe l'obolo dei fedeli - dichiara Magaldi - ai cialtroni come Mario Giordano di "Fuori dal coro" consiglio di controllare i "balletti" di Borsa subiti in questi giorni dal gruppo Leonardo-Finmeccanica, che evidentemente si vuole intimorire». L'arma di ricatto? «Le tangenti che ogni operatore internazionale di qual calibro deve normalmente versare, purtroppo, se vuole lavorare in paesi senza democrazia». Soldi che passano di mano in mano, tra politici africani, 007 e «sedicenti terroristi», quelli che tengono in piedi «l'industria dei sequestri, che colpisce anche religiosi (da qui l'inevitabile coinvolgimento del Vaticano, per cui operava Cecilia Marogna, agendo in stretto contatto con il capo dell'intelligence italiana all'estero)».

 

Secondo Magaldi, la donna è ora in pericolo di vita: «Se da San Vittore venisse estradata Oltretevere, dove la giustizia è meno trasparente di quella italiana, c'è chi pensa che potrebbe venir "suicidata": c'è infatti un "progettino", per far fare anche a lei la stessa fine toccata a tanti altri, nelle carceri». Facilissimo, inscenare una sua disperazione da "peccatrice pentita", «dopo l'infame trattamento a cui l'hanno sottoposta i giornali, senza un minimo di pudore e di scrupolo professionale». Giornali che alle inchieste serie preferiscono le "veline" scandalistiche: «Si guardano bene dal fare i necessari collegamenti, che consentirebbero loro di domandarsi, per esempio, chi trae vantaggio dall'attacco condotto in Borsa contro il gruppo Leonardo-Finmeccanica». Ma attenzione, avverte Magaldi: «Cecilia Marogna non è sola: c'è chi vigila sulla sua incolumità personale». E non è tutto: «I manipolatori sono avvisati: monitoriamo le loro mosse, daremo loro battaglia e li cacceremo a pedate».

 

Fonte: Gioele Magaldi Racconta, su YouTube il 20 ottobre 2020

https://www.google.com/url?q=https://www.youtube.com/watch?v%3DUX7fvtcOeEA&source=gmail&ust=1603288306824000&usg=AFQjCNF3JS-_14I2k58cRbpIwTERfICGbw">https://www.youtube.com/watch?v=UX7fvtcOeEA

Aggiungi commento


Translate

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Gioele Magaldi Racconta 300

Pane al Pane 300

Il Gladiatore 300