Blog header

Stefano Bonaccini dfa36

Strano paese, questo: il governo fa come se non esistesse, il medico di Mantova che ha scoperto come annullare la minaccia del coronavirus. Mezzo mondo fa la corte al professor Giuseppe De Donno, che ha trovato l'uovo di Colombo: se nelle vene di un malato si inietta il plasma di un soggetto guarito, il male scompare alla velocità della luce. Grosso guaio, per chi aveva scommesso sulla Peste Bubbonica 2.0, di durata pressoché infinita. Un flagello abbastanza spaventoso da trasformare i cives in pecore, dispostissime domani a subire un vaccino di massa, obbligatorio (che grandi virologi ritengono perfettamente inutile, dato il carattere mutante dei virus Rna). Ma il Covid-19 è perfetto, per lanciare il vaccino come rimedio ineludibile. E a sua volta, sostiene il criminologo Alessandro Meluzzi, la vaccinazione non è che la premessa del vero obiettivo: il microchip universale da inserire sottopelle, che trasformerebbe gli esseri umani in unità sorvegliate h-24, attraverso lo strettissimo monitoraggio che registrerebbe in tempo reale ogni loro mossa. Tutto questo, grazie a infrastrutture informatiche invasive e forse anche pericolose per la salute, come la misteriosa rete 5G che avanza incontrastrata, in Italia, grazie al Movimento 5 Stelle ora al governo con il Pd, l'euro-partito "tedesco" del Rigor Montis.

Imbavagliati dalle mascherine che li trasformano in automi coatti, spaventati dall'autorità e disinformati in modo spietato e grottesco da giornali e televisioni, gli italiani per ora assistono agli eventi. Uno su tutti: il crollo dell'economia. Lo ha imposto il governo-fantasma del ventriloquo Conte, che ha confiscato la libertà democratica per restare avvinghiato all'emergenza (che si augura eterna) per non dover fare i conti con i disastri che ha combinato, le promesse a vuoto e i ritardi incresciosi, dai mitici 600 euro alla cassa integrazione, fino alla patetica "preghiera" rivolta alle banche, nel paese in cui l'ex Fiat (migrata all'estero) pretende subito 6,3 miliardi di aiuti, innanzitutto per sé. Ci sarebbe da metter mano a un piano di rilancio epocale, disperatamente necessario già prima della pandemia, ma i pallidi arconti di Palazzo Chigi e i vari prestanome insediati nei ministeri non sanno letteralmente che pesci pigliare: "ispirati" dalle centinaia di anonimi tecnocrati a cui hanno ceduto le leve di comando, sperano che il regime di psicosi duri il più possibile, sotto la sferza della nuova polizia sanitaria, ma sanno che prima o poi - da settembre, al massimo - i nodi verranno al pettine. Dettaglio illuminante: la decisione di Mattarella di non consentire a Conte altri sei mesi di stato d'emergenza. Come dire: questo mediocre teatro di attori cialtroni e minacciosi è durato anche troppo.

Sconcerta la presa che questo potere autoritario esercita ancora, su vastissimi strati di cittadini: ad esempio, non vengono pretese le dimissioni immediate del presidente dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, che annuncia di voler "stanare casa per casa" i contagiati, quasi fossero untori della peste e non invece portatori di un virus che secondo l'Istitito Superiore di Sanità ha ucciso soltanto persone anziane e malate. Un virus che certo non fa più paura a Mantova e Pavia, gli ospedali che lo hanno "disarmato" ricorrendo agli anticorpi sviluppati dai pazienti guariti. E dove viene svolta, la sperimentazione governativa per testare ufficialmente quello che già si conosce, ovvero la validità del metodo-Mantova? A Pisa, dove - secondo De Donno - l'ospedale ha finora affrontato un solo caso di coronavirus. Il posto giusto, parrebbe, per far naufragare la cura risolutiva, secondo il sistema già collaudato, per i tumori, con la terapia Di Bella. Il ragazzetto che ufficialmente esercita il ruolo di ministro della sanità, tale Roberto Speranza (già capogruppo del Pd bersaniano che consegnò l'Italia alla Premiata Macelleria Monti e al pareggio di bilancio in Costituzione) ha l'aria di essere una semplice comparsa, in uffici dominati dall'eminente figura di Walter Ricciardi, player italiano di quella stessa Oms, finanziata dal vaccinocrate Bill Gates, che gli Usa accusano di aver "incubato" il coronavirus a Wuhan.

Che i segni di follia costellino i giorni italiani del Covid lo dimostra l'astio, perdurante e surreale, nei confronti di un personaggio politico modestissimo come Matteo Salvini, che nel 2018 ebbe il piccolo merito di denunciare l'ipocrita business politico, italiano e internazionale, realizzato sulla pelle dei migranti. Lo stesso Salvini ebbe però il grandissimo demerito di aver ceduto su tutto il resto, in primis l'intransigenza Ue sulla richiesta di deficit, fino alle pressioni del super-potere che utilizzò i soliti 5 Stelle per convalidare, con Giulia Grillo, l'aberrante obbligo vaccinale improvvisamente esteso a 10 vaccinazioni, senza alcuna motivazione medica, pena l'esclusione dei bambini dalle scuole dell'infanzia. Il piccolo eroe del Papeete, ribattezzato "il cazzaro verde" dal greve propagandista Scanzi, aveva esordito malissimo, ingoiando senza fiatare il "niet" di Mattarella sulla nomina di Paolo Savona all'economia. Dipinto come un mostro razzista e xenofobo, praticamente fascista, Salvini si era difeso dall'assedio (mediatico e giudiziario, prima che politico) ricorrendo all'inchino rituale di fronte al totem di Israele, con il consueto cerimoniale: omaggiare le vittime della Shoah, trascurando le nefandezze del governo Netanjahu contro i palestinesi. Ora qualcosa sembra sul punto di rompersi: su chat di magistrati emergono espressioni come "quella merda di Salvini", al punto da spingere il capo dello Stato a esprimere solidarietà al leader leghista.

Ma il punto è un altro: ed è l'odio implacabile di cui il "cazzaro verde" rimane vittima, anche in pieno tsunami-coronavirus. Lo si legge nel mare mosso dei social, ottimo sismografo dei sentimenti collettivi, intasato di insulti e polemiche avvelenate. Quanto sarebbe costata la liberazione di Silvia Romano? "Meno di 49 milioni", è la pronta risposta degli haters del "cazzaro", disposti a bersi la bufala secondo cui la Lega avrebbe davvero "rubato" quei soldi. La verità la sintetizza Luca Telese, mai tenero coi leghisti: attraverso una sentenza che non ha precedenti in Italia, la magistratura (cioè, colleghi dei magistrati che ammettono di aver cercato di fermare "quella merda di Salvini") ha semplicemente decretato, a posteriori, che la Lega non avrebbe avuto diritto ai finanziamenti annuali, nel frattempo pervenuti e regolarmente spesi per l'attività politica, in modo trasparente. Tutto questo, per via di remote malversazioni imputate all'epoca di Bossi (peraltro di entità infinitamente minore: solo mezzo milione di euro, a quanto pare), quando l'allora oscuro Salvini era un semplice consigliere comunale. Non pochi specialisti del diritto hanno considerato quella sentenza un'anomalia giuridica: quando infatti la Lega di Salvini riceveva regolarmente quei 49 milioni (la somma dei rimborsi di svariate tornate elettorali) era perfettamente autorizzata a incassarli.

Ripetere oggi che la Lega (e quindi l'odiato "cazzaro") avrebbe "rubato" 49 milioni, è patetico, a prescindere dall'opinione politica, anche pessima, che si possa avere del discutibilissimo ex ministro dell'interno, capace di performance imbarazzanti e indimenticabili, come quando - vestito da poliziotto - andò all'aeroporto ad accogliere l'ex terrorista Cesare Battisti, estradato dal Sudamerica. Preoccupante, parlare di 49 milioni "rubati". E ancora più allarmante se un'idiozia simile la si ripete mentre il paese sta collassando, vessato dai suoi strani carcerieri e minacciato da un futuro che più buio non potrebbe essere. Torna in mente l'allegoria manzoniana dei capponi di Renzo, che non trovano di meglio che scannarsi tra loro anche un attimo prima di finire in padella. A Rivoli, grosso centro dell'hinterland torinese, è stata letteralmente scuoiata viva, per settimane, una donna malaccorta, vicesindachessa (in quota Lega, ecco il guaio), protagonista di un'uscita infelice sul presunto abuso politico del 25 Aprile. A crocifiggerla, con petizioni e tam-tam di ogni genere, sui social, gli autoproclamati Eredi Unici e Universali dei Partigiani. Italiani "di sinistra", anch'essi prigionieri dei decreti Conte: eppure, benché relegati agli arresti domiciliari, la Liberazione l'hanno celebrata dai balconi, cantando Bella Ciao, senza lontanamente domandarsi come avrebbero reagito, gli amati partigiani, di fronte a inaudite restrizioni delle libertà imposte forzando proprio la Costituzione antifascista.

Il problema? L'identità leghista, e quindi "cazzara", della povera vicesindachessa. Certo, lo stesso Salvini è l'ultimo a potersi lamentare del clima di brutale intolleranza che regna nel paese, avendo lui stesso dato un enorme contributo all'imbarbarimento dei costumi politici. Ma è possibile che i suoi tanti odiatori non vedano quanto sia piccolo, Salvini, di fronte all'immensità del problema totalitario chiamato coronavirus? Viene addirittura il sospetto che la mano invisibile che ha aiutato Salvini ad emergere, ospitandolo per anni in televisione, volesse proprio questo: gonfiare una rana di fatto innocua per il potere europeo, ma abbastanza spaventevole per i gonzi italiani che ancora non hanno capito che qualcuno sovragestisce abilmente l'affare planetario del Covid. Per questo Salvini resta perfetto, ancora oggi, come spaventapasseri: distrae gli ingenui dal vero problema, dai veri decisori. Se l'è anche cercata, Salvini, persino in Emilia: la decisione di molestare al citofono un tunisino, trattandolo come uno spacciatore, resterà negli annali dei suicidi politici. E il peggio è che il beneficiario del suicidio, l'incolore Bonaccini, oggi passa quasi per eroe: funziona alla grande, l'odio verso Salvini, per sdoganare l'idea - vagamente hitleriana - di chi pensa di "stanare casa per casa" gli italiani che non risponderanno signorsì al Ministero della Verità.

Chi ancora perde il suo tempo a odiare Salvini, mentre il paese crolla e l'orizzonte della libertà si allontana di giorno in giorno, non spende una parola di indignazione per l'ignobile "task force" istituita dal piddino Martella per censurare l'informazione sul Covid. Chi detesta il "cazzaro" non protesta perché Fabio Fazio, anziché il salvatore De Donno, invita a ripetizione Roberto Burioni: un tizio che nel suo Patto per la Scienza (firmato da Grillo, Renzi e Mentana) anticipò i tempi duri che stiamo vivendo, con la pretesa - messa per iscritto - di pilotare i fondi destinati alla ricerca. E' lo stesso Burioni che, per silenziare uno scienziato eretico (Stefano Montanari) ha chiesto alla magistratura di spegnere "ByoBlu", il video-blog più seguito dagli italiani. Eppure, gli haters se la prendono con Salvini (non con Burioni o Fazio), e parteggiano per l'imbarazzante Bonaccini (non per l'eroe nazionale De Donno). Ma se in questo si volesse scorgere una simmetria, si sbaglierebbe: perché nemmeno Salvini si batte per De Donno e contro Burioni. Gli italiani sono soli: questa è la verità. E a milioni, ancora, si accaniscono contro falsi nemici. Cosa sarebbe successo, se Berlusconi avesse imposto anche solo la decima parte dei diktat di Conte? E se lo avesse fatto Salvini, addirittura? Va tutto bene, invece, se i Pieni Poteri se li prende "l'avvocato del popolo", lo yesman fabbricato dalla peggiore baronia universitaria e protetto dal Vaticano, imbucato oculatamente tra i 5 Stelle un attimo prima che gli elettori, nel 2018, ne decretassero il trionfo.

Cosa bisogna pensare, degli elettori che nel 2018 diedero fiducia all'ingenuo Speranza, agli scalpitanti grillini, all'economista di sinistra Alberto Bagnai rassegnato a candidarsi con la Lega vista l'impossibilità di praticare teorie di sinistra nello zoo renziano e zingarettiano? Con sfumature diverse, tutti questi elettori - milioni di italiani, davvero tanti - erano accomunati da un unico bisogno: la necessità di rimettere la politica al di sopra della finanza. Com'è finita, lo si è visto: prima l'inconcludente governo gialloverde, poi l'altrettanto inutile esecutivo giallorosso, identico al precedente, con la sola variante (meramente estetica, cosmetica) dell'assenza del "cazzaro". Stessa politica: austerity, in ossequio al super-potere di Bruxelles. Fino al magico V-Day, non più grillino ma cinese: l'avvento dell'Era del Virus. Il piano prevedeva precisamente il pandemonio, e infatti eccolo all'opera: niente sarà più come prima. Se i cittadini rassegnati (ieri al lockdown e oggi alla museruola) pensano ancora che l'incubo si dissolverà, forse non hanno capito quello che è successo davvero.

Sarà proprio la ferocia della crisi - dicono alcuni osservatori - ad aprire gli occhi ai dormienti, spingendoli a fare l'unica cosa sensata: unire le forze, mettendo da parte l'odio tribale che serve solo a chi ha interesse a dividere gli ex cittadini, trasformati in sudditi in soli due mesi, a colpi di decreti, da parte di un premier mai eletto da nessuno. La strada però è ancora lunga: lo dice la stima di cui tuttora gode il peggior primo ministro della storia nazionale. C'è chi lo ama, addirittura: perché osò sfidare il "cazzaro". Non sembra avere fine, l'autolesionismo italiota: si riverbera magnificamente nell'imbecillità di chi demonizza i ragazzi che si assiepano all'aperitivo, dopo quasi tre mesi di clausura. Imbecillità criminosa, a questo punto: perché in tempo di guerra gli idioti esecratori diventano un pericolo pubblico. Guardare di traverso chi non indossa la museruola significa essere essere complici, oltre che cretini: complici di chi censura la verità, di chi tace i dati dell'Istituto Superiore di Sanità (tra le vittime classificate Covid, solo il 3,7% non affetto da gravi patologie pregresse). Complici, soprattutto, di chi finge che il Covid sia tuttora un male incurabile: complici, quindi, dei censori che oscurano De Donno. Un medico di cui tutti gli italiani dovrebbero andare fieri, compresi quelli che lo ignorano: e anche in questo, Matteo Salvini e i suoi odiatori sono tristemente identici.

(Giorgio Cattaneo, 23 maggio 2020).
Commenti   
0 # RE: I pericolosi dementi che ancora odiano Salvini (e ignorano De Donno)Cristian Trebbi 2020-05-23 20:45
Grazie per aver ripreso e condannato le parole del presidente della regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, le ho trovate agghiaccianti. Da cittadino bolognese mi sento minacciato persino nella mia abitazione che dovrebbe essere sacra ed inviolabile, da un amministratore che usa parole come "scovarli casa per casa".
Onestamente pur non avendolo votato questo giro l'ho trovato un buon presidente di regione (parlando di quelle maggiormente colpite, Piacenza confina con Codogno se non erro) nella gestione Covid-19, ma le sue parole nella trasmissione su La7 mi hanno inorridito; mentre Formigli non ha fatto una piegata.
Non so se questo virus ci stia mettendo in crisi e quindi ci porti a commettere gravi errori anche di comunicazione o stia mostrando invece ciò che siamo realmente nel profondo?
Certo Bonccini non sembra minimamente pensare di aver sbagliato (almeno nei modi) visto che ha pubblicato sul proprio profilo Facebook il video in questione rincarando la dose con un, per me ancor più minaccioso, "Ci siamo intesi?".
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Aggiungi commento


Translate

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Massoneria on air archivio 300