Blog header

Il presidente del Movimento Roosevelt: requiem per Grillo e Di Maio, e occhi puntati sull'Emilia. Difficile che la Lega vinca. Ma se Salvini cresce, per Conte sono guai

Care Sardine, volete decidervi a dire qualcosa di importante? "Perché non vi rivolgete ai veri padroni delle cose italiane, a quelli che decidono cosa si fa in Italia, invece di polemizzare con questo o quello, come se il problema nostro fosse l'immigrazione, o le eventuali tendenze neofasciste?". Per la cronaca: oggi le frange neofasciste "sono rappresentate da minuscoli raggruppamenti dello 0,0% che non esprimono nemmeno un parlamentare". Secondo Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt, "pensare di liquidare la Lega parlando di xenofobia e neofascismo è un'idiozia: la Lega non è né fascista né xenofoba, e il tema dell'immigrazione Salvini l'ha posto in termini democratici". Al movimento delle Sardine, una domanda netta: "Perché non scendete in piazza per chiedere una Costituzione politica europea, gli eurobond e 200 miliardi di investimenti per l'Italia, per rilanciare l'occupazione, fare manutenzione del territorio e riammodernare i trasporti?".

Insiste Magaldi: "Consiglierei alle Sardine di puntare il dito verso coloro che davvero, dall'Europa e dalle grandi centrali della globalizzazione, hanno deciso politiche neoliberiste, mortificatrici dell'interesse collettivo italiano". Magaldi vede con favore la mobilitazione giovanile delle piazze: un peccato, se venisse sprecata solo in termini di interdizione anti-Lega, in vista delle regionali emiliane. Per inciso: "Non credo che la Lega possa vincere, in Emilia, una Regione peraltro governata piuttosto bene dagli amministratori locali del centrosinistra". Se Lucia Borgonzoni riuscisse a battere Stefano Bonaccini, "sarebbe come se il Pd conquistasse il Veneto, o la Lombardia". Consultazioni irrilevanti, dunque? Tutt'altro: la posta in gioco, secondo Magaldi, non è la presidenza della Regione, ma il trend elettorale che emergerà. "E' sull'aumento della Lega in Emilia Romagna che si misura il tipo di mutamento che sta avvenendo nella politica italiana", di cui non si potrà non tener conto.

Partita chiusa, invece, per il Movimento 5 Stelle: "Requiem per Grillo, a meno che una mattina non si svegli e dica ai suoi: abbiamo sbagliato tutto". Quello che i grillini dovevano fare, secondo Magaldi, era una cosa sola: "Cambiare l'Europa in senso democratico, invocare politiche keynesiane e chiedere di stralciare gli investimenti dal computo del deficit". Non creda, Grillo, di cavarsela emarginando l'inconsistente Di Maio: "Riorganizzare la dirigenza? Ai cittadini non importa se accanto a Di Maio ci sarà una cabina di regia". Per il presidente del Movimento Roosevelt, a certificare il fallimento dei penstastellati è la "santificazione" che Grillo fa dell'attuale premier: "Conte non ha un'idea di paese, e l'Italia è in declino: disoccupazione e consumi in calo, aziende che chiudono, infrastrutture e scuole fatiscenti, professionisti che faticano a farsi pagare". Se in Emilia la Lega crescerà ancora, rispetto alle 33,7% rimediato alle europee, per Grillo e Conte saranno dolori.



UFFICIO STAMPA MOVIMENTO ROOSEVELT (www.movimentoroosevelt.com)
Alessio Altieri
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Mobile: +39.3396422626



(Articolo del 26 novembre 2019)

Commenti   

0 # sardine e dualitàGiuseppe Palumbo 2019-11-27 14:20
Forse bisogna avere il coraggio di F. Parri per dire che questo delle "sardine" è
“traffico di benemerenze” e “baccanale di retorica” che contrassegnano e colorano l’ora fascista... come lui disse nel 1926 agli albori del ventennio.
La sola cosa evidente è una visibilità pianificata e amplificata… e una indotta mania di protagonismo per demonizzare una parte della dualità che a loro dire compone la società italiana. Demonizzare senza dire nulla in positivo, se non per lo status quo.
Bagnai nel 2011 li battezzò PIDDIOTI. Ma forse non avveduti non sono loro (che i propri interessi, e quelli di chi li comandano, li difendono), non avveduto è chi rimane ingabbiato nel dualismo fossilizzato dai tempi di Prodi/Berlusconi (e le sardine hanno i loro “padri nobili” nei girotondi e ieri come oggi tutto è servito a mantenere lo status quo, e l’austerità e gli austeritari).
Se non si spezza questo dualismo (che ad ogni modo è per molti versi solo di facciata, e di esempi se ne possono immaginare a iosa) l’Italia resterà ancora a lungo senza sbocchi, tempo che servirà a ridurla in macerie.
Spezzare il dualismo è possibile, basta volere usare le informazioni eretiche di cui si è a conoscenza.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio MASSONERIA ON AIR

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Gestione Cookies

EU e-Privacy Directive

Questo sito web usa i cookie per gestire autenticazione, navigazione, e altre funzioni.
Usando questo sito, si accetta che questi files possano essere scritti sul vostro computer.

Consulta la nostra Privacy Policy

Consulta i documenti della e-Privacy Directive

Hai rifiutato di usare i cookies. Questa azione può essere riveduta.

Hai accettato che i cookies vengano scritti sul tuo computer. Questa autorizzazione può essere revocata.