Blog header

Secondo noi, i detti siciliani: attacca lu sceccu unnì voli lu patruni (per i non siciliani: lega l'asino dove desidera il padrone) e picchì iddu si fici sceccu (per i non siciliani perché lui è nato asino), sono lo specchio e il focus per la rappresentazione della società odierna, visibile, in controluce, attraverso le storture ed imposture che vivono nelle latomie siciliane .

Passiamo ora alla rappresentazione:

Le latomie, cave di pietra, di mutismo e diffidenza, erano inizialmente fornitrici di materiale calcareo per la costruzione di templi, monumenti e mura per rendere le città sicure, ricche e bellissime artisticamente.  In seguito divennero prigioni per  far morire emozioni e sentimenti degli uomini liberi ed indipendenti. Infatti, come scriveva Cicerone: “non esiste né si può immaginare nulla di così chiuso da ogni parte e sicuro contro ogni tentativo di evasione...”.

Quello che neanche Cicerone è riuscito a immaginare, oggi si sta realizzando.

E’ iniziato un processo di lesione di quelle pareti chiuse e sicure delle latomie, che sta consentendo la fuoriuscita di spifferi organizzati e pseudo-occulti che indigneranno tanti e costringeranno tutti a un libero dibattito e a un  civile confronto.

Il Popolo siciliano non è un giudice affidabile, ma con l'esperienza e la possibilità di aver conosciuto tante culture e usanze di diversi popoli, ha acquisito la consapevolezza di quello che sopporta e di quello che non sopporta più: quindi ha una certa libertà e indipendenza di giudizio, anche e soprattutto contro le regole previste e disegnate dal progetto neofeudale in corso a livello regionale, nazionale e globale.

Questa urgenza morale comincia ad espandersi con un ritmo sempre in crescendo, che spazzerà via il dialogo malsano e fuorviante, mai interrotto, tra il Popolo siciliano e certa indegna classe dominante (attaccati unni voli lu patruni).

 Oggi nessun dorma e pronti alla fuga, per tutti quelli che  picchi iddu si fici sceccu

Iniziano momenti di panico e confusione, di scandali e latomie senza spifferi. Si preannuncia uno tsunami con carattere di battaglia civile, che a breve percorrerà in un primo momento le coste delle latomie Siciliane, da Selinunte a Siracusa, da Hera ad Archimede sfiorando Palma di Montechiaro  (città del Gattopardo), per poi risalire in lungo e largo il nostro Bel Paese, espandendosi per tutta l'Europa, campo di scontro planetario: si è veramente europei nella misura in cui si è meridionalisti.

Il 21 Marzo 2016 cadeva il primo compleanno del Movimento Roosevelt. Un Movimento che illuminerà il percorso per scardinare le false narrazioni del potere; che strapperà la rete di falsità ricamata dai media mainstream; che squarcerà il velo della dimensione labirintica, occulta e indecifrabile del progetto neofeudale.  Tutto ciò grazie all'affilata ermeneutica dei leaders rooseveltiani, i quali, appare evidente, saranno sempre più micidiali nel demistificare tutti quello che va demistificato delle manipolazioni e disinformazioni profuse a piene mani da certi poteri marci e neoaristocratici.

Un lavoro certosino e costante- quello della classe dirigente MR. che metterà alle corde il demone delle scorciatoie, che riuscirà a far vincere la verità delle cose viste, la verità delle cose dette e soprattutto di quelle non dette; che darà voce alla politica caduta nel silenzio, reclamando un manifesto di diritti per tutti e per ciascuno.

Ad Maiora Semper a tutte le Rooseveltiane e a tutti i Rooseveltiani 

Chiara Di Salvo e Peppe Spallino

(Articolo del 24 aprile 2016)

Aggiungi commento


Translate

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Gioele Magaldi Racconta 300

Pane al Pane 300

Il Gladiatore 300