Blog header

I Figli della Valle dei Templi  -  Il nuovo paradigma del Silenzio

L'espandersi e il moltiplicarsi di strani silenzi in tutto il sud  indicano che la nuova crisi economica alle porte sarà devastante per il progetto progressista conquistato negli ultimi secoli, se i liberi e i forti delle tifoserie dei fantomatici Centrodestra, Centrosinistra e M5S continueranno a non capire la forza e la grandezza del progetto rivoluzionario del Movimento Roosevelt, “ le nostre vite finiscono quando taciamo di fronte alle cose davvero importanti” diceva  M. L. King

Questo particolarissimo silenzio, che non è assenza e nemmeno censura, impone una straordinaria esperienza di conoscenza e un'elevata capacità di ascolto.

E' un silenzio che oltre ad essere soggetto ai potenti, non nutre neppure la speranza di potersi un giorno emancipare o veder ritornare i tempi del riscatto sociale ed economico.

E' un silenzio che si è espanso al nord e si è trasformato geneticamente al sud; ieri al sud il silenzio dei vivi si chiamava omertà, oggi si chiama dolore, sofferenza … al nord continua a chiamarsi omertà, ma ancora per poco.

Il silenzio dei vivi nel sud cresceva, prosperava e si abbeverava a ceti che muovevano interessi economici e di potere, agli inizi del XXI  secolo.  In quei tempi disastrosi e tragici, il silenzio dei vivi è stato il fattore dinamico più importante nell'attuazione del progetto di schiavitù di massa neomercantilistico, aristocratico e tecnocratico. Un progetto tuttora in corso, al nord come al sud.

Il silenzio dei vivi nel sud sosteneva percorsi legali e illegali, agevolava la conquista di posizioni economiche, politiche e sociali; al nord continua ancora. Il silenzio dei vivi nel sud era interclassista in orizzontale e aclassista in verticale; al nord continua ancora cosi.

Oggi il silenzio dei vivi nel sud non cresce, non prospera e non si abbevera più alle fontane del ceto medio e della borghesia. Borghesia  “che non intraprendeva ma soprattutto sfruttava”,  come amava dire Leonardo Sciascia. Oggi al sud il ceto medio e la borghesia sono stati cancellati grazie al progetto di schiavitù di massa neomercantilistico, che lo stesso silenzio dei vivi aveva contribuito a far attuare. Al nord resisteranno ancora per qualche mese, forse fino alle amministrative, così anche al nord il silenzio dei vivi si trasformerà in silenzio, del dolore e della sofferenza...

Il silenzio del dolore e della sofferenza..., va riconosciuto, va ascoltato, va capito, va fatto emergere per poterlo eliminare e ridare la libertà e la dignità alle donne e agli uomini, presi in giro e ridicolizzati prima e distrutti poi dal progetto neomercantilistico. 

Oggi, noi dalla Valle dei Templi, vi diciamo che il silenzio dei vivi nel sud piano piano ha trovato la musica, ha toccato il suono e ha iniziato a muoversi a ritmo del suo nuovo paradigma e grazie alla grandezza del progetto progressista Rooseveltiano diventerà la forza dirompente della Rivoluzione del XXI secolo.

Ad Maiora Semper  a tutte le Rooseveltiane e a tutti i Rooseveltiani  già pronti per la Rivoluzione del XXI secolo.


Chiara Di Salvo e Peppe Spallino


NDR: Invitiamo anche alla lettura di

Direttorio Generale MR e le Considerazioni inattuali di Davide Crimi”, articolo pubblicato il 14 marzo 2016 sul sito MR.


(Articolo del 14 marzo 2016)

Aggiungi commento


Translate

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Massoneria on air archivio 300