Blog header

Mosca 4fc39PAOLO MOSCA è uno dei tre candidati ufficiali per la carica di Segretario Generale del Movimento Roosevelt...
Esattamente come per la presentazione del suo Programma (“Ripartire dall’Articolo 3 dello Statuto MR”), PAOLO si presenta in maniera “netta”, chiara e senza troppi giri parole: «Assieme all'amica e socia Rooseveltiana Monica Soldano ho ideato “Gli AMMAZZACaffè Roma/Milano”, trasmissione radiofonica in onda su Radio 100 passi.
Una delle proposte del MR è introdurre nella Costituzione il Diritto al Lavoro.
“Gli AMMAZZACaffè Roma/Milano” 
parla proprio dello stato del lavoro oggi. Quali rischi corre, come sta cambiando, a che punto sono i Diritti dei lavoratori.
Le puntate sono tematiche e giocano su un collegamento live tra Roma e Milano.»
PAOLO è autore, scrittore e “Ghost Writer” (il “Ghost Writer” - o scrittore ombra - è un autore professionista).
È “titolare” del blog “MOSQUICIDE”, dedicato alle serie televisive e al cinema.
Scrive per la rivista “Mistero” ed è autore televisivo da quasi vent'anni.
Ha lavorato con quasi tutti i maggiori canali e le maggiori case di produzione.
Con “Bompiani” ha pubblicato il libro “Reality” e, tra le varie, ha partecipato all'operazione “Bulzoni”.
Cosa si propone di fare, nello specifico, per il Movimento Roosevelt?
Ad oggi, PAOLO ha presentato 7 Punti programmatici.
Eccoli in breve. 

Punto 1: Diritti e Metapartito
«Non occupandoci di leggine e senza bisogno di poltrone e di consenso siamo totalmente liberi di portare avanti battaglie ampie con accordi trasversali…
In questo periodo storico liberticida, per esempio, c’è molto rispetto e molta apertura anche da parte degli ambienti più tirannici verso le “Istanze LGBT”. È il caso di approfittarne appieno. Così come è il caso di creare un nuovo corpo di leggi che regoli la prostituzione e il suo mercato. Anche su questo tema credo che un “Metapartito” potrebbe creare un’amplia convergenza in forze politiche totalmente diverse tra loro». 

Punto 2: Creare una Fondazione o una Charity
«La mia idea è di creare una Fondazione Movimento Roosevelt o una Charity. Sto studiando con alcuni soci quale può essere l’opzione migliore (Leni Remedios e Giulio Grilli in particolare), che possa contemplare un lavoro doppio, italiano, ma anche europeo…
L’iniziativa è volta a creare un movimento di capitali attorno e all’interno del Movimento Roosevelt, sia in un’ottica di raccolta di fondi pubblici, sia in una prospettiva di sponsorizzazioni…
Una Charity o una Fondazione creerebbero un flusso economico che ci permetterebbe: 

1) Di avere soldi per la Roosevelt Communications e quindi fondi per la pubblicazione di libri, film, fumetti, giornali, riviste, siti web targati MR. 

2) Di avere denaro per le iniziative sul territorio: seminari, convegni, manifestazioni. 

3) Di dare lavoro ai soci rooseveltiani più attivi e meritevoli, uscendo dalla logica del “dopo-lavorismo” e del volontariato. Mi piacerebbe cioè creare una struttura con delle figure fisse stipendiate, nei ruoli per esempio di ufficio stampa, gestione sito web e social, promozione, raccolta fondi, comunicazione etc». 

Punto 3: La Voce Rooseveltiana
«Credo sarebbe opportuno redarre settimanalmente un editoriale che potremmo chiamare “La Voce Rooseveltiana”. In questo editoriale potremmo esprimere la posizione ufficiale del Movimento Roosevelt in merito ai fatti della settimana…
Il Movimento Roosevelt esprime un livello di preparazione nettamente superiore ai tradizionali.
Potremmo ragionare partendo dall’esempio degli interventi settimanali di Gioele Magaldi su “Colors Radio”, ma ampliando il numero delle firme, proprio per dare fondo alla nostra ricchezza di personalità. A seconda degli argomenti da trattare ogni settimana possiamo scegliere il Rooseveltiano più adatto per la scrittura dell’editoriale (Nino Galloni se si parla di Economia, Sergio Magaldi se si parla di Costituzione, Monica Soldano se il tema è il giornalismo, Leni Remedios per la geopolitica, Patrizia Scanu se si parla di istruzione e così via...). Questi editoriali sarebbero un invito anche verso chi si affaccia sulle nostre pagine per la prima volta: non solo potrebbe leggere tante suggestioni eterogenee, ma anche una voce ufficiale che, come una bussola, ne aiuti l’orientamento». 

Punto 4: Gli Obiettivi
«Propongo di essere molto pragmatici: scegliere un obiettivo per volta e lavorare per raggiungerlo attivando tutte le strade percorribili, dalla raccolta firme (si veda l’esempio di change.org), alla proposta di legge, al coinvolgimento dei soggetti politici che possano dare il giusto supporto parlamentare alle nostre iniziative…
A tale proposito è già stata intavolata una discussione dallo stesso Gioele Magaldi nei più recenti incontri lombardi e da quella discussione si potrebbe partire. 

Punto 5: Organizzare a Milano un convegno sulla “NET NEUTRALITY”
«Gran parte della vita del Movimento Roosevelt si svolge on line tramite i Siti e i Social. Se non ci fosse internet avremmo molte più difficoltà a creare un tessuto sociale con cui condividere azioni e punti di vista. Oggi il tema della libertà della rete è sempre più sotto osservazione e il tema della “Net Neutrality” ha riportato al centro del dibattito i rischi che sta correndo il WEB
Perché non organizzare con il Movimento Roosevelt un convegno sulla libertà della rete invitando anche referenti di Wikileaks, magari la stessa Laura Poitras e giornalisti come Glenn Greenwald? Potremmo darci da fare per la prossima estate. I Diritti hanno un valore che travalica i confini e la diffusione dei Diritti sarà strettamente legata all’evoluzione che avrà il WEB nei prossimi anni». 

Punto 6: Movimento Roosevelt e PDP
«La nascita del PDP ad opera di alcuni soci rooseveltiani credo sia una buona occasione per far prendere al Movimento Roosevelt una strada più netta e meno equivoca. L’esistenza di un Partito a se stante permetterà al Movimento di incidere e prosperare in chiave metapartitica: senza schierarsi per questa o quella formazione, senza entrare nell’arena elettorale, il Movimento Roosevelt potrà davvero rivelarsi come una forza trasversale che agisce su proposte e battaglie, cercando di costruire ponti e convergenze ad ampio raggio. In quest’ottica è fondamentale garantire identità indipendenti a Movimento e Partito». 

Punto 7: “Droga e tossicodipendenze, informare e legalizzare”
«Parlare di Diritti nel Mondo contemporaneo non si può fare prescindendo dal problema del traffico e del consumo di stupefacenti…
Lavorare per una legalizzazione progressiva e controllata del mercato significa lavorare per togliere i finanziamenti ai più grandi nemici della Democrazia
Sul tema della droga, su come informare seriamente i ragazzi, su come attuare una progressiva legalizzazione di produzione e traffico (creazione di posti di lavoro, movimentazione di risorse, controlli medici sui fruitori e controlli sanitari sui prodotti) dovremmo creare un gruppo di studio per poi presentare le nostre proposte prima in un convegno e poi alle forze politiche nazionali». 

La Pagina Facebook di PAOLO MOSCAhttps://www.facebook.com/Paolo-Mosca-candidato-Segretario-Generale-Movimento-Roosevelt-2004914676433915/
Il suo primo video di presentazionehttps://www.youtube.com/watch?v=AZb8ybUmGOw&t=73s 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscrizione al Movimento Roosevelt

30,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario)

Cerca nel Blog

Login Form

Archivio MASSONERIA ON AIR

Massoneria on air archivio

Gestione Cookies

EU e-Privacy Directive

Questo sito web usa i cookie per gestire autenticazione, navigazione, e altre funzioni.
Usando questo sito, si accetta che questi files possano essere scritti sul vostro computer.

Consulta la nostra Privacy Policy

Consulta i documenti della e-Privacy Directive

Hai rifiutato di usare i cookies. Questa azione può essere riveduta.

Hai accettato che i cookies vengano scritti sul tuo computer. Questa autorizzazione può essere revocata.