Blog header

Trivelle e Terremoti?

0
0
0
s2sdefault
L'altro ieri ho colto una piccola notizia, e ve la giro perché potrebbe essere una bomba.
Si tratta di una intervista a Peter Styles, professore emerito di geofisica all’Università di Keele in Gran Bretagna, noto in Italia per essere stato presidente della Commissione ICHESE (International Commission on Hydrocarbon Exploration and Seismicity in the Emilia Region) fra il 2012 ed il 2014.
2012 Modena intensity 64956
Come qualcuno ricorderà, la Commissione ICHESE escluse qualsiasi relazione tra attività di esplorazione riguardante gli idrocarburi e l'aumento dell’attività sismica nell’area colpita dal terremoto dell’Emilia-Romagna del mese di maggio 2012.
Intervistato oggi, a 5 anni dalla chiusura dell'inchiesta, Peter Styles non è più così sicuro: lamenta fughe di notizie, pressioni da parte delle aziende titolari delle concessioni minerarie, scarsa trasparenza nelle istituzioni, e, soprattutto, denuncia che alla Commissione ICHESE è stato nascosto un fatto che forse ne avrebbe ribaltato il giudizio.
Nella seconda parte del 2011 nel sito di stoccaggio di gas naturale a Minerbio fu effettuato una sperimentazione di sovra-pressione: fu iniettato nel sottosuolo un volume di 356 milioni di metri cubi di gas, giungendo al 106% della pressione originaria di giacimento.
È solo un dubbio, pochi hanno le competenze per pronunciarsi su una vicenda così tecnica, ma dopo 27 morti e decine di miliardi di danni forse la notizia andrebbe approfondita, anche perché tocca argomenti formidabili: decisioni cruciali da prendere su basi scientifiche non definitive, analisi costi benefici probabilistiche...
Approvvigionamento energetico ad ogni costo?

                                                                         Gerardo Soncini

Studenti alla radio. Conversazione con i liceali del 2019

0
0
0
s2sdefault
locandina studenti in piazza7215 c75fa


Venerdì 8 febbraio alle 18,30 a Radio 100 passi un evento radiofonico tutto da seguire per gli amici rooseveltiani. La direttrice dell'emittente radiofonica, Monica Soldano, intervista gli studenti e i Dirigenti scolastici dei licei classici romani. Sarò presente anch'io, in qualità di insegnante liceale e Segretaria generale del MR, insieme ad altri ospiti e a Paolo Mosca, in collegamento da Milano.

Leggi tutto: Studenti alla radio. Conversazione con i liceali del 2019

Grande evento europeo organizzato il 30 marzo a Londra dal Movimento Roosevelt

0
0
0
s2sdefault
con Ilaria Bifarini, Danilo Broggi, Pino Cabras, Nino Galloni, Guido Grossi, Gioele Magaldi, Marco Moiso, Egidio Rangone, Antonio Maria Rinaldi, Patrizia Scanu, e Giovanni Smaldone. Si attendono altre sorprendenti e autorevoli presenze...

“Un New Deal rooseveltiano per l'Italia e l'Europa”: da Londra, il Movimento Roosevelt si prepara a lanciare un messaggio a tutti i popoli europei. Missione: difendere le istituzioni democratiche dalle ricette economiche del neoliberismo, spiegando ai cittadini che è necessario tornare a usare l’economia per fare gli interessi della collettività. Ne parleranno il 30 marzo nella metropoli inglese (capitale globale per eccellenza) politici e politologi, ma soprattutto esperti di economia, finanza e management: tra questi Ilaria Bifarini, Danilo BroggiGuido Grossi Antonio Maria Rinaldi. Accanto a loro, interverranno Nino Galloni, Vicepresidente del Movimento Roosevelt, ed Egidio Rangone, Direttore del Dipartimento Economia del MR, insieme all'onorevole Pino Cabras (deputato M5S) e ai massimi dirigenti del Movimento Roosevelt (il presidente Gioele Magaldi, il Vicepresidente Marco Moiso, la Segretaria Generale Patrizia Scanu e Giovanni Smaldone, del Consiglio di Presidenza del Movimento).

Leggi tutto: Grande evento europeo organizzato il 30 marzo a Londra dal Movimento Roosevelt

I Coordinatori regionali, regione per regione

0
0
0
s2sdefault
italia mappa regioni nomi 46249




Carissimi amici rooseveltiani,


sono lieta di comunicarvi i nomi e gli indirizzi di contatto dei Coordinatori regionali, incaricati pro tempore dalla Segreteria generale, con la ratifica della Presidenza, di condurre le attività dei gruppi regionali fino all'elezione del Segretario. Ognuno di voi è invitato a mettersi in contatto con il proprio Coordinatore per partecipare alle attività locali del Movimento, che saranno supportate dall'allestimento di siti e blog regionali tutti nuovi, nei quali si potranno discutere e diffondere iniziative, problemi e criticità del territorio regionale, provinciale e cittadino. Ci saranno molte novità ne prossimi mesi e dobbiamo prepararci con impegno ed entusiasmo.
In alcune regioni sono previsti incontri a breve. Mantenetevi in contatto!

Leggi tutto: I Coordinatori regionali, regione per regione

Quale oscuro potere ha piegato anche l'ex sovranista Salvini alla teologia dell'inutile Tav Torino-Lione?

0
0
0
s2sdefault
Salvini a Chiomonte 770f1

Non basterebbe neppure Dan Brown. Ci vorrebbe almeno Tolkien, per svelare – attraverso una fiaba – il mistero del Tav Torino-Lione, cioè il sortilegio nero che vuole che si spendano 20-30 miliardi per costruire quella linea ferroviaria “maledetta”. Si tratta dell'inutile e faraonico doppione della ferrovia che esiste già, e che da 150 anni collega Torino a Lione attraverso la valle di Susa e il Traforo del Fréjus, riammodernato qualche anno fa (costo, 400 milioni di euro) per consentire il transito dei treni con a bordo i Tir e anche i grandi container “navali”, della massima pezzatura. L'unico problema è che non ci sono più merci da trasportare: l'asse strategico del terzo millennio è quello che unisce Genova e Rotterdam, mentre la direttrice Torino-Lione è ormai un binario morto, dal destino segnato. Secondo la Svizzera, incaricata dall'Ue di monitorare il traffico alpino, l'attuale Torino-Modane, semideserta, potrebbe incrementare addirittura del 900% il suo volume di trasporti. E allora che bisogno c'è di scavare – da zero – un nuovo traforo, lungo 57 chilometri, di cui non esiste ancora neppure un metro?

Leggi tutto: Quale oscuro potere ha piegato anche l'ex sovranista Salvini alla teologia dell'inutile Tav...

Di Maio, Salvini e la "perfida Francia

0
0
0
s2sdefault



cfa franchi 0aa17

            Negli ultimi giorni si sono succedute dichiarazioni di Salvini, Di Maio, ma anche di Conte in chiave polemica verso la Francia. La stampa main stream ha bollato queste esternazioni, a seconda delle fonti, come un polverone per nascondere le difficoltà interne o come una manovra per creare un nemico esterno a giustificazione di certe debolezze strutturali, programmatiche nonché di impedimento all’affermazione delle politiche governative. Insomma, la versione moderna della “perfida Albione”. Non si può negare che esista il pericolo concreto di un’utilizzazione in tal senso delle affermazioni suddette, ma esse forse hanno un fondamento molto meno effimero e superficiale e vanno verso un’auspicata reazione a mire espansionistiche, in senso di sfruttamento di risorse finanziarie, industriali ed economiche in generale. Si era scritto in fase di presentazione del nuovo Dipartimento (11 ottobre 2018 su FB) che i principali problemi geopolitici dell’Italia (a parte quelli inerenti alle politiche nell’Unione Europea in senso stretto) sono essenzialmente tre e collegati tra loro. Uno di questi è appunto la Francia. 

Leggi tutto: Di Maio, Salvini e la "perfida Francia

Il risiko del prezzo del petrolio

0
0
0
s2sdefault

Aldo Vesnaver inizia una collaborazione con il Dipartimento Geopolitica e Difesa di MR, collaborazione che ci auguriamo divenga sempre più stretta. 
Dalla lucida e precisa anlisi emerge che il prezzo del petrolio NON sia correlato alla sua disponibilità e che questo invece sia fortemente influenzato, tramite manipolazioni delle informazioni, (come  a esempio il reale numero dei giacimenti scoperti, e "fake news")

da logiche finanziarie e geopolitiche, come spesso denunciato da MR in altri campi e discipline. 


Aldo Vesnaver ha conseguito una Laurea in Fisica ed un Dottorato di Ricerca in Geofisica presso l' Universita di Trieste. Ha lavorato come Ricercatore e Dirigente di Ricerca pressol' Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (www.inogs.it). Ha insegnatocome Chair Professor di Geofisica Applicata alla “King Fahd University of Petroleum andMinerals” di Dhahran (Arabia Saudita) e presso il “Petroleum Institute” di Abu Dhabi(Emirati Arabi Uniti). ; Membro Onorario dell'“European Association of Geoscientists andEngineers” (www.eage.org), ed è stato co-fondatore e Presidente della “Sezione ItalianaEAGE-SEG” (www.eageseg.org).

Leggi tutto: Il risiko del prezzo del petrolio

Assemblea Regionale Lombardia MR 25 Gennaio 2019 a Milano

0
0
0
s2sdefault

Assemblea regionale Lombardia MR di venerdì 25 gennaio 2019 a Milano: saranno presenti anche Gioele Magaldi (Presidente MR), Patrizia Scanu (Segretaria Generale MR), Gianfranco Pecoraro (Carpeoro), Paolo Mosca, Giovanni Smaldone, Michele Petrocelli, Roberto Luongo (tutti Consiglieri di Presidenza MR) e altri soci rooseveltiani residenti in sezioni italiane ed estere. Riunione aperta anche a rooseveltiani non lombardi e a cittadini non ancora rooseveltiani, ma desiderosi di avvicinarsi al Movimento Roosevelt




Rendiamo noto che Venerdì prossimo (dopodomani), 25 gennaio 2019, a partire dalle ore 19 (sino alle 21 circa) avrà luogo una importante riunione regionale del Movimento Roosevelt Lombardia.

L’appuntamento è fissato alle ore 19 di Venerdì 25 gennaio 2019 a Milano, presso lo Studio di Daniele Poli, sito in Via Giovanni Meli n.18, zona Via Padova.

Vista l’importanza dell’Ordine del giorno della riunione e dei temi che saranno discussi e deliberati, saranno presenti all’Assemblea regionale MR Lombardia anche il Presidente MR Gioele Magaldi, la Segretaria Generale Patrizia Scanu e i Consiglieri di Presidenza MR Gianfranco Pecoraro (Carpeoro), Paolo Mosca, Giovanni Smaldone, Michele Petrocelli, Roberto Luongo, insieme ad altri soci rooseveltiani italiani ed esteri di altri gruppi territoriali rispetto a quello lombardo..

La riunione è aperta anche a tutte quelle cittadine e a tutti quei cittadini che intendano avvicinarsi al Movimento Roosevelt (www.movimentoroosevelt.com ), iscriversi (vai su: https://blog.movimentoroosevelt.com/iscriviti-o-rinnova.html ) e condividere i nostri valori, i nostro obiettivi e le nostre rivoluzionarie iniziative civili e politico-culturali.

Leggi tutto: Assemblea Regionale Lombardia MR 25 Gennaio 2019 a Milano

Magaldi: l'Italia minacci di lasciare l'Ue, se Francia e Germania non si rimangiano il Trattato di Aquisgrana. Urge fondare un'Europa democratica, da opporre agli oligarchi che utilizzano la Merkel e Macron per i loro inconfessabili interessi privatistici

0
0
0
s2sdefault
Gioele Magaldi cd113

L'Italia minacci di lasciare l'Unione Europea, se Francia e Germania non si rimangiano l'incredibile Trattato di Aquisgrana, che formalizza il ruolo istituzionale dell'asse franco-tedesco, scavalcando tutti gli altri partner dell'Ue. Lo afferma Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt: lo “schiaffo” franco-tedesco smaschera il finto europeismo dei gruppi oligarchici che utilizzano la Merkel e Macron per servire inconfessabili interessi privatistici. Sia di lezione «ai tanti imbecilli, anche italiani», che hanno fatto del mantra “ce lo chiede l’Europa” un dogma di fede, «credendo che il sogno europeo dovesse passare per l’imposizione di una governance post-democratica». Una sonora lezione anche per i velleitari “eroi” del nuovo sovranismo, ambigua bandiera «da sventolare in campagna elettorale, per poi ammainarla una volta al governo». L'esecutivo Conte? Ha abdicato al suo ruolo di riconversione democratica dell'Europa, se è vero che «gli spaventapasseri Salvini e Di Maio non hanno neppure saputo approfittare della rivolta francese dei Gilet Gialli per pretendere il rispetto delle legittime istanze del governo italiano». Ci ripensino, a Roma: l'Italia non può tollerare l'affronto del trattato franco-tedesco. «Il governo reagisca, annunciando che l'Italia è pronta a sospendere la vigenza dei trattati europei».

Leggi tutto: Magaldi: l'Italia minacci di lasciare l'Ue, se Francia e Germania non si rimangiano il Trattato di...

Senza storia non c'è memoria. Salviamo l'insegnamento della storia

0
0
0
s2sdefault
Storia ce9c2





Uno degli effetti più dannosi e inavvertiti della riforma Gelmini, voluta e attuata con spietata determinazione dal secondo governo Berlusconi nel 2008, è il depotenziamento dell'insegnamento della storia in tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Leggi tutto: Senza storia non c'è memoria. Salviamo l'insegnamento della storia

A chi giovano le sconcertanti minacce rivolte a Enrico Mentana?

0
0
0
s2sdefault
Enrico Mentana 4d0d8

Tutto si può imputare, a Enrico Mentana, tranne che la mancanza di cordialità e di umana empatia. E' un affabile surfer, il direttore del telegiornale de La7, nel mare tempestoso delle fake news ufficiali: magari dribbla le verità più scomode e sta ben attento a non uscire mai dalla cornice disegnata dagli spin doctor dell'establishment, ma almeno non partecipa alle crocifissioni rituali che il sistema infligge, con acrimonia, a questo e a quello, attraverso propagandisti con la bava alla bocca, travestiti da giornalisti. Di tutto si sentiva la mancanza, oggi in Italia, fuorché di un bel costume da martire, tagliato su misura per l'Enrico nazionale. Alla bisogna ha prontamente provveduto la mano (anonima, ovviamente) che gli ha indirizzato minacce mafiose, evocando l'oscura escatologia della forca che attenderebbe, un giorno, i malfattori della disinformazione. La minaccia è stata accolta così seriamente da mobilitare nientemeno che il primo ministro, dichiaratosi preoccupato per l'incolumità della libera informazione – che evidentemente nel nostro paese esiste ancora, secondo Giuseppe Conte.

Leggi tutto: A chi giovano le sconcertanti minacce rivolte a Enrico Mentana?

Davide Gionco: è arrivato il giornale che tutti aspettavamo, la nuova rivista “Sovranità Popolare”

0
0
0
s2sdefault
Sovranità Popolare ace9e

Quanti di noi non ne possono più di una informazione di bassa qualità, appiattita sul pensiero unico dominante, asservita alle posizioni dei partiti e soprattutto dei poteri finanziari? Abbiamo più di 5 milioni di poveri, milioni di disoccupati, una immigrazione che crea nuovi problemi e che crea divisioni della nostra società e mille altri problemi di cui mai ci vengono spiegate le cause, anche nella loro complessità, e le possibili soluzioni. Oggi l’informazione è ridotta a spettacolo, come un qualsiasi prodotto commerciale, è finalizzata a solleticare le passioni degli individui, non a metterli a conoscenza del mondo in cui vivono. Sono anni che cerchiamo una informazione “libera e di qualità” soprattutto su internet, ben sapendo che non sempre questa libertà e qualità sono garantite. Sia per condizionamenti economici (difficile andare contro a chi ti dà da vivere), ma soprattutto per i condizionamenti culturali dei mass media mainstream, quelli finanziati dalle inserzioni pubblicitarie delle multinazionali, quelli che ricevono i finanziamenti pubblici con il benestare dei partiti: non è facile ritagliarsi un’autonomia culturale in questa situazione di disparità informativa.

Leggi tutto: Davide Gionco: è arrivato il giornale che tutti aspettavamo, la nuova rivista “Sovranità Popolare”

“Vaccini, associazione a delinquere”. Carpeoro ai pm: indagate Burioni, Grillo, Renzi, Mentana e gli altri firmatari del “patto” che chiede di limitare la ricerca scientifica, violando la Costituzione

0
0
0
s2sdefault
Gianfranco Pecoraro Carpeoro f3259

Vaccini, associazione a delinquere: «Il reato è così grave che non c'è bisogno di sporgere denuncia: qualunque Procura dalla Repubblica può procedere d'ufficio». È un appello ai pm italiani, oltre che al presidente Mattarella, quello che l'avvocato Gianfranco Pecoraro (in arte Carpeoro) rivolge, in web-streaming su YouTube con Fabio Frabetti di “Border Nights”, il 13 gennaio. Pietra dello scandalo, il “patto per la scienza” promosso dall'immunologo Roberto Burioni e sottoscritto da Beppe Grillo, Matteo Renzi, Enrico Mentana, Carlo Calenda, Vittoria Brambilla e molti altri. Secondo Carpeoro, dirigente del Movimento Roosevelt, la magistratura deve intervenire: quel testo configura gravissime ipotesi di reato, fino all'attentato alla Costituzione, dal momento che si propone di abolire la libertà d'opinione e la libertà di ricerca scientifica, entrambe tutelate dalla Carta costituzionale. Se mai diventasse legge, lo sciagurato “patto” proposto da Burioni, secondo Carpeoro segnerebbe la fine della ricerca scientifica in Italia: per questo, insiste, va fermato subito, per via giudiziaria, prima che sia troppo tardi, in nome della democrazia e dello Stato di diritto.

Leggi tutto: “Vaccini, associazione a delinquere”. Carpeoro ai pm: indagate Burioni, Grillo, Renzi, Mentana e...

Comunicato Stampa Movimento Roosevelt - Steven Forti ammette le accuse: non c'è spazio nei media per Gioele Magaldi

0
0
0
s2sdefault
Il Movimento Roosevelt chiede all'Ordine dei Giornalisti e a Rolling Stone di tutelare il diritto di replica ed è pronto a valutare i danni ricevuti da Gioele Magaldi.

Dopo le denunce del Movimento Roosevelt e del Grande Oriente Democratico, Steven Forti conferma, via Twitter: non daremo spazio a Gioele Magaldi.

In un articolo apparso su Rolling Stone il 4 gennaio scorso, in cui attaccava Antonio Maria Rinaldi, Forti ha ampiamente disinformato i lettori anche sulla figura di Gioele Magaldi, presidente del Movimento Roosevelt e autore del saggio "Massoni. Società a responsabilità illimitata. La scoperta delle Ur-Lodgesi", definendolo complottista, massonofobico e vittimista.

Leggi tutto: Comunicato Stampa Movimento Roosevelt - Steven Forti ammette le accuse: non c'è spazio nei media...

Il Vademecum per i gruppi regionali e locali. Partecipiamo tutti alla vita del Movimento!

0
0
0
s2sdefault


Vademecum bf308


Carissimi amici rooseveltiani,

Il 2019 appena iniziato porterà molte novità e iniziative per il Movimento Roosevelt. Fra le altre cose, nei prossimi giorni, partiranno nuovi gruppi regionali e il monitoraggio costante delle attività delle Assemblee locali dei soci.

Leggi tutto: Il Vademecum per i gruppi regionali e locali. Partecipiamo tutti alla vita del Movimento!

Forti ammette le accuse ricevute: non c’é spazio sui media per Magaldi.

0
0
0
s2sdefault

In un pessimo articolo pubblicato recentemente sul magazine Rolling Stone, Steven Forti ha  prima attaccato Antonio Maria Rinaldi e poi, con goffa inadeguatezza, Gioele Magaldi descrivendolo come un “complottista fissato col pericolo massonico che cerca di farsi pubblicità dicendo di essere censurato dai media”.

Dopo la risposta ufficiale del Movimento Roosevelt (ripresa su blog MR , Libreidee , e ancora Libreidee ), diverse organizzazioni, tra cui il Grande Oriente Democratico, si sono mobilitate per denunciare la censura mediatica su Gioele Magaldi da parte di RAI, MEDIASET e SKY.

( Articoli del Grande Oriente Democratico: 8 Gennaio, 9 Gennaio, 10 Gennaio, 11 Gennaio, 2019).

In questi giorni, nonostante gli inviti rivolti a Forti affinché approfondisse le questioni da lui superficialmente toccate nel suo articolo,nel tentativo di portare luce su informazioni che vengono insabbiate strumentalmente e strategicamente, il collaboratore di Rolling Stone, MicroMega, e Limes, ha rifiutato, di fatto, di concedere il diritto di replica garantito dall’art.8 della legge sulla stampa 47/1948.

L’11 Gennaio sono venuto a sapere della chiusura del magazine Rolling Stone.

Il Movimento Roosevelt ritiene che il diritto ad una informazione plurale e pluralista sia essenziale. 

Dispiaciuto di come il magazine si sia dovuto piegare alle regole di mercato, e preoccupato per i posti di lavoro di coloro che lavoravano nella produzione del cartaceo, come Vicepresidente del Movimento Roosevelt, il 12 Gennaio, ho voluto mandare a Forti un messaggio di solidarietà su Twitter.




Marco Tweet a forti.png




A questo messaggio di apertura, rapito evidentemente dall’isteria, Forti ha confermato di sua sponte le denunce fatte da Gioele Magaldi, dal Movimento Roosevelt, dal Grande Oriente Democratico e da altri movimenti: non c’é spazio per Magaldi.

Leggi tutto: Forti ammette le accuse ricevute: non c’é spazio sui media per Magaldi.

IL MALDESTRO E L'IMPERATORE

0
0
0
s2sdefault

Non notate strane assonanze? Quello a sinistra è Lord Sidious il signore dei Sith, imperatore della galassia, della famosa saga cinematografica, dove regna il male e i cittadini sono sudditi.

 i due 9a036













Quello a destra il mentore di Macron, Messier Attali, inquietante filosofo, che inneggia ad un popolo liquido, a delle nazioni ridotte a spazi mercantilistici, che portano il nome del vecchio stato solo in virtù dell’idioma locale.

Possiamo vedere sotto una serie di visioni deliranti di questo demiurgo del mondo futuro, frasi dette in varie occasioni, da leggere in versione integrale cliccando sul link 

Leggi tutto: IL MALDESTRO E L'IMPERATORE

Italia solo 46esima nella graduatoria per la libertà d'informazione: basta vedere come Rolling Stone maltratta Antonio Maria Rinaldi. Ma la difesa della sovranità popolare una volta non era patrimonio della sinistra?

0
0
0
s2sdefault
Marco Moiso 24ab5

Secondo “Reporters sans frontières” l'Italia è solo al 46esimo posto, nel mondo, per libertà di espressione. Include la libertà di pensiero, spesso limitata da precise linee editoriali. Nel suo articolo su “Rolling Stone” contro Antonio Maria Rinaldi, a mio avviso l'autore – Steven Forti – sembra appartenere al pensiero unico, che vede sempre contrapposta una sedicente destra (che non si accorge di come il neoliberismo stia fagocitando le piccole e medie imprese) e una sedicente sinistra (che si occupa solo di diritti civili, ma si lamenta di chi rivendica la sovranità del popolo). Ora, vedendo per chi scrive Forti – riviste come “Left” e “Micromega” – mi viene in mente Che Guevara, che forse sarà proprio un idolo di Forti: mi viene in mente come proprio il Che rivendicasse la sovranità del popolo e delle Nazioni Unite. Curioso che oggi l'idea di sovranità venga criticata da chi scrive nel circuito dell'intellighenzia di sinistra. Mi sembra quasi un controsenso, anche perché senza sovranità non esiste democrazia: e se non è il popolo, a essere sovrano, sicuramente sarà sovrano qualcun altro. A una persona come Forti, che si dice appartenente a una certa corrente, mi viene da domandare: a chi, se non al popolo, dovrebbe appartenere la sovranità?

Leggi tutto: Italia solo 46esima nella graduatoria per la libertà d'informazione: basta vedere come Rolling...

Demolire l'avversario, fingendo di informare i lettori: così Rolling Stone “sistema” Antonio Maria Rinaldi

0
0
0
s2sdefault
Rinaldi con il gilet giallo 5fe84

Ma come si permette, Antonio Maria Rinaldi, di dire quello che pensa? Come osa trascinare il suo ciuffo argenteo nei migliori salotti televisivi, da cui dispensare il suo sub-pensiero economico declinandolo sfrontatamente in romanesco? Non sa, Rinaldi, che negli studi di Giletti, di Floris e della Gruber, come in quelli di Mediaset e della Rai, devono avere accesso solo personaggi collaudati come Beppe Severgnini, Paolo Mieli, Massimo Cacciari e altri analoghi, rassicuranti esponenti del clero regolare? Se qualcuno si domandasse come mai l'Italia è classificata al 46esimo posto nella graduatoria di “Reporters sans frontières” sulla libertà d'informazione, forse una risposta potrebbe trovarla dando uno sguardo alla demolizione programmata di Antonio Maria Rinaldi, eseguita dal giovane Steven Forti sul magazine musicale “Rolling Stone”. Non vive di sola musica, “Rolling Stone”. Lo si capisce da titoli come questo: “Il troll di Salvini è meglio di Salvini”. Oppure: “Sapreste riconoscere il fascismo, se tornasse?”. O ancora, sotto una foto di Beppe Grillo: “La politica non fa più ridere”. Quanto all'autore della sommaria rottamazione cartacea di Rinaldi, per lui parlano titolazioni altrettanto eloquenti: “La bestia, ovvero del come funziona la propaganda di Salvini”. Va da sé: “Un fantasma si aggira per l'Europa: il rossobrunismo”, dal momento che “Piccoli Salvini crescono”.

Leggi tutto: Demolire l'avversario, fingendo di informare i lettori: così Rolling Stone “sistema” Antonio Maria...

Iscrizione al Movimento Roosevelt

50,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario)

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio MASSONERIA ON AIR

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Gestione Cookies

EU e-Privacy Directive

Questo sito web usa i cookie per gestire autenticazione, navigazione, e altre funzioni.
Usando questo sito, si accetta che questi files possano essere scritti sul vostro computer.

Consulta la nostra Privacy Policy

Consulta i documenti della e-Privacy Directive

Hai rifiutato di usare i cookies. Questa azione può essere riveduta.

Hai accettato che i cookies vengano scritti sul tuo computer. Questa autorizzazione può essere revocata.