Blog header

Andrea Bocelli 5acc1

E' in corso qualcosa di inaudito, mostruoso e sinistro, ma l'Intelligente Asintomatico insiste nel voler occultare le sue sinapsi, come se volesse fingersi politicamente cerebroleso: preferisce rifugiarsi nel rassicurante tifo calcistico - buoni contro cattivi - anziché affrontare la scomodità del ragionamento, la lucidità dell'analisi, il nudo linguaggio dei fatti. L'Italia si candida a essere la capitale europea del Covid, unico paese del vecchio continente ad auto-proclamarsi patria della nuova peste, nell'estate in cui i militari in assetto da guerra spaventano i bagnanti sulle spiagge e la ministressa della pubblica istruzione sconcerta genitori e alunni collaudando in televisione le seggiole-banco a rotelle: aggeggi grotteschi che secondo ogni previsione metteranno nel freezer l'infanzia, trasformando i bambini in degenti cronici del nuovo manicomio-scuola, futuri clienti dello psicologo e pazienti dei medici specializzati in patologie psicosomatiche. Eppure va tutto bene, sembra dirsi l'Intelligente Asintomatico, per far rima con lo slogan demenziale che preparò lo storytelling della catastrofe, "andrà tutto bene". E visto che va tutto così bene, anzi benissimo, è normale che il governo-apocalisse proroghi l'aberrante stato d'eccezione, così come è normale che la sedicente opposizione - al netto dei proclami gridati - di fatto permetta (grazie alle provvidenziali assenze tattiche) che anche l'ultimo decreto-vergogna venga infine approvato, al Senato, sia pure per un solo voto di scarto. Tutto questo non potrebbe accadere, senza la prevalenza - nell'opinione pubblica - dell'Intelligente Asintomatico.

Questo esemplare, così diffuso, sembra appartenere a una vasta zoologia politica che predilige le vie spicce, eventualmente anche l'insulto, e pretende di vedere in campo uomini della provvidenza, risolutori fulminei, fuoriclasse a chiacchiere. Quelli di trent'anni fa agitarono i valori della sinistra storica e dell'Europa Unita per meglio affossare la sinistra sociale dei diritti e l'idea stessa di solidarietà europea. Giocarono la partita fingendo di contrastare il collega Berlusconi, impresentabile socio collaterale del medesimo indirizzo antipopolare, prono agli stessi decisori internazionali. Gli Intelligenti Asintomatici si divisero a lungo, attingendo al carburante dell'odio, per scannarsi tra di loro in una guerra imbarazzante, visto che bianchi, rossi e verdi giocavano tutti nella stessa squadra. Poi vennero risolutori ancora più spicci, rivoluzionari ancora più fasulli: da una parte Renzi, dall'altra Grillo e i 5 Stelle. Ultimo nato, nella scuderia dell'illusionismo, il prode Salvini: trasformato prontamente in una sorta di eroe nazionale o, a scelta, in epocale pericolo pubblico. Di svista in svista, eccoci agli incresciosi record inanellati dall'oscuro "avvocato del popolo": l'Italia è l'unico grande paese europeo messo ko dall'epidemia di coronavirus, l'unico ad aver attuato un coprifuoco suicida, "cinese", come quello imposto a Wuhan. Il nostro è l'unico paese rimasto senza mezzi finanziari, l'unico costretto a mendicare elemosine tardive e ingannevoli come l'accordo-capestro sul Recovery Fund: pochi spiccioli, e fuori tempo massimo, solo a patto che si svenda quel che agli italiani è rimasto.

Il piano, spudorato, punta a sabotare definitivamente lo Stato per mettere le mani sul vero bottino, l'ingente risparmio privato e il patrimonio immobiliare, che è il maggiore d'Europa: a questo mirano gli sciacalli nell'ombra che manovrano burattini come l'ipocrita Mark Rutte, piccolo feudatario del paradiso fiscale chiamato Olanda, vero e proprio Stato-canaglia (perfettamente tollerato dall'Ue) che sta letteralmente spolpando l'erario italiano, risucchiando offshore le contribuzioni delle grandi aziende del Belpaese. Ma tutto questo sembra non interessare l'Intelligente Asintomatico, nelle due versioni (il talebano che idolatra "Giuseppi", l'hooligan che applaude il "Capitano"). Nella sua apparente pigrizia e indolenza intellettuale, è raro che l'Intelligente Asintomatico si produca in ragionamenti pubblicamente offerti: preferisce parassitare le idee altrui, le esternazioni altrui, spesso limitandosi a commentare in modo sbrigativo e provocatorio, sui social media, le riflessioni di chi si sforza di pensare in proprio, documentandosi faticosamente. L'Intelligente Asintomatico non si domanda come mai i giornaloni stiano letteralmente facendo a pezzi il leghista Fontana per la vicenda dei camici lombardi e dei conti svizzeri, trascurando completamente i 14 milioni di euro che il piddino Zingaretti ha fatto spendere al Lazio per mascherine mai arrivate. Buoni e cattivi, ancora e sempre: falsi amici, falsi nemici.

Imbevuto com'è della narrazione ufficiale, quella secondo cui va tutto benissimo, dal momento che era stato promesso che sarebbe andato tutto bene, l'Intelligente Asintomatico tende a squalificare chiunque osi mettere in discussione gli assiomi propalati dal nuovo regime politico-televisivo, che si tratti di mascherine e distanziamenti, guanti o vaccini, untori presunti e involontari macellai come i poveri medici che, per loro stessa ammissione, lo scorso marzo causarono la morte - per iper-ventilazione - dei pazienti in realtà affetti da trombo-flebite polmonare. C'è chi si domanda (e ormai domanda per iscritto anche all'autorità giudiziaria) quante persone sarebbero ancora vive, oggi, se il governo non avesse prima scoraggiato le autopsie, e poi emarginato i sanitari che per primi, già ad aprile, avevano inutilmente segnalato al ministero le terapie efficaci per trasformare il Covid in una malattia curabilissima. Dati oggettivi, che però l'Intelligente Asintomatico si rifiuta di registrare, per paura di veder crollare il governicchio in carica: come se la controparte (gli opposti Intelligenti Asintomatici e i loro rispettivi eroi politici) avessero sollevato la questione. Errore ottico: la strage è avvenuta senza che l'opposizione muovesse un dito per denunciarla e contrastarla.

E' la stessa sedicente opposizione che non ha fatto nulla per impedire che nel paese venisse sospesa la democrazia. Ma non importa: ancora oggi, all'Intelligente Asintomatico pare che basti dare del cornuto, del complottista e del negazionista a chiunque invochi un brandello di obiettività, foss'anche il cantante Andrea Bocelli, prontamente sottoposto a fascio-bastonatura mediatica e olio di ricino. Il mondo intero è preda di una sindrome inquietante e inaudita, che tradisce i segni evidentissimi di un tenebroso totalitarismo, ma l'Intelligente Asintomatico difende l'indifendibile Conte per proteggerlo da Salvini, o a scelta si schiera con l'altrettanto indifendibile Salvini per avversione verso Conte (come se lo stesso Salvini avesse lasciato supporre che, di fronte all'emergenza, si sarebbe comportato in modo diverso da Conte). Forse il bilancio della situazione sarebbe differente, se gli Intelligenti - più o meno Sintomatici - mettessero finalmente una pietra sopra alle loro divisioni di cartapesta, di fronte alla minaccia comune, riscoprendo l'importanza del valore supremo - la verità - che notoriamente non ha padroni. L'infinita stupidità dell'odio, il più facile degli ingredienti "magici" della manipolazione, è dosata oculatamente dai gestori di ogni crisi. Storia antichissima: lo spiega un intellettuale prestigioso ma quasi sconosciuto, in Italia, come Francesco Saba Sardi, in una riflessione intitolata "L'istituzione dell'ostilità". A questo serve, il falso nemico fabbricato all'occorrenza: a smettere di pensare, in modo che a vincere sia sempre il banco (e che a perdere siamo noi, tutti quanti, Sintomatici e non).

(Giorgio Cattaneo, 30 luglio 2020).
Aggiungi commento


Translate

Iscrizione al Movimento Roosevelt

70,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio Video Gioele Magaldi

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Massoneria on air archivio 300