Blog header

Indice articoli

Aldo Vesnaver inizia una collaborazione con il Dipartimento Geopolitica e Difesa di MR, collaborazione che ci auguriamo divenga sempre più stretta. 
Dalla lucida e precisa anlisi emerge che il prezzo del petrolio NON sia correlato alla sua disponibilità e che questo invece sia fortemente influenzato, tramite manipolazioni delle informazioni, (come  a esempio il reale numero dei giacimenti scoperti, e "fake news")

da logiche finanziarie e geopolitiche, come spesso denunciato da MR in altri campi e discipline. 


Aldo Vesnaver ha conseguito una Laurea in Fisica ed un Dottorato di Ricerca in Geofisica presso l' Universita di Trieste. Ha lavorato come Ricercatore e Dirigente di Ricerca pressol' Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (www.inogs.it). Ha insegnatocome Chair Professor di Geofisica Applicata alla “King Fahd University of Petroleum andMinerals” di Dhahran (Arabia Saudita) e presso il “Petroleum Institute” di Abu Dhabi(Emirati Arabi Uniti). ; Membro Onorario dell'“European Association of Geoscientists andEngineers” (www.eage.org), ed è stato co-fondatore e Presidente della “Sezione ItalianaEAGE-SEG” (www.eageseg.org).


Pubblicazioni:https://scholar.google.it/citations?user=yMMOrf8AAAAJ&hl=it
Altri dettagli:https://www.linkedin.com/in/aldo-vesnaver-559baa9/?originalSubdomain=it






Il prezzo del petrolio

(A. Vesnaver)

 

Il costo di un barile di petrolio e’ un dato primario per l’ evoluzione dell’ economia mondiale, e quindi della Geopolitica. Ricorda un po’ la costante di gravitazione universale di Newton: se cambiasse, tutto il firmamento che ci circonda cambierebbe. Ma il costo del barile non e’ una costante, tanto e’ vero che negli ultimi 10 anni ha oscillato tra i 35 ed i 160 dollari (Figura 1). L’ ultimo grande salto, con una caduta da 160 a 50 dollari nell’ arco di poche settimane, e’ legato alla crisi finanziaria partita dalla Lehman Brothers: come causa? O come effetto? O come entrambe?

 

Figura 1

Commenti   

0 # RE: Il risiko del prezzo del petrolioLucio Degani 2019-02-16 11:27
Save Roberto
Da geologo non praticante ed ecologista moderato quale sono, trovo i dati che esponi nel tuo articolo estremamente preoccupanti. Non tanto per il discorso del prezzo del petrolio, quanto per le riserve ancora disponibili che hanno un costo di estrazione economicamente vantaggioso. Questo significa che il passaggio a energie alternative sarà lento, forse troppo lento. Ho l'impressione che il processo di riscaldamento globale sia una realtà che però nessuno è in grado di prevedere con certezza. Quindi, trattato alla stregua di una fatalità immodificabile alla quale ci dobbiamo abituare. Come giocare alla roulette russa dove però tra tutti i colpi disponibili ne manca solo uno.
Grazie Roberto per il tuo articolo, mi ha reso consapevole di un dato essenziale...anche se avrei preferito fosse diverso.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Iscrizione al Movimento Roosevelt

50,00€

Iscrizione / Rinnovo annuale (1 anno - 365 giorni dalla data dell'iscrizione) al Movimento Roosevelt. (Pagamento con PayPal o bonifico bancario).
Effettuando il pagamento con Paypal il rinnovo è automatico di anno in anno

Iscriviti al Movimento Roosevelt e fai sentire la tua voce scrivendo sul Blog!

Login Form

Cerca nel Blog

Archivio MASSONERIA ON AIR

Massoneria on air archivio

Massoneria on air archivio 300

Gestione Cookies

EU e-Privacy Directive

Questo sito web usa i cookie per gestire autenticazione, navigazione, e altre funzioni.
Usando questo sito, si accetta che questi files possano essere scritti sul vostro computer.

Consulta la nostra Privacy Policy

Consulta i documenti della e-Privacy Directive

Hai rifiutato di usare i cookies. Questa azione può essere riveduta.

Hai accettato che i cookies vengano scritti sul tuo computer. Questa autorizzazione può essere revocata.